Milan, Ibrahimovic: “Per tre attaccanti c’è mister X, per portare devi creare spazio”

I più letti

Lorenzo Iadevaia
Classe 1996, appassionato a 360 gradi di calcio, sport con uno spiccato interesse per il campo della comunicazione, dell'informazione e dei media, è cresciuto professionalmente nelle web radio con sede in Toscana tra Prato e Firenze come speaker in programmi radiofonici e rubriche sportive e come web editor di un portale di informazione prima di approdare a Radio Rossonera in qualità di redattore del sito web e ritornare a occuparsi di calcio seguendo le notizie del mondo Milan. L’attenzione allo scenario social e il desiderio di essere sempre informato e aggiornato sono le caratteristiche che lo contraddistinguono.

Le dichiarazioni di Ibrahimovic in conferenza sugli obiettivi in attacco del Milan e sulle uscite necessarie

Zlatan Ibrahimovic in conferenza stampa da Casa Milan ha parlato della questione nuovo attaccante dopo che l’obiettivo Joshua Zirkzee è sfumato e sui nuovi profili, non svelati, nella mentre della dirigenza. Lo svedese ha poi detto che per portare nuovi giocatori bisogna fare spazio, lasciando pensare a uscite di giocatori in esubero. Qui un estratto delle dichiarazioni di Ibrahimovic ai media.

Ibrahimovic sugli attaccanti del Milan

Zlatan Ibrahimovic nella conferenza di presentazione di Paulo Fonseca come nuovo allenatore del Milan ha preso la parola soprattutto sulle domande di mercato. In attacco è ormai sfumato il grande obiettivo che rispondeva al nome di Joshua Zirkzee. Ora, come detto ai giornalisti dallo svedese, ci sono nuovi attaccanti su cui sui puntare e spunta il mister X: “Per tre attaccanti c’è mister x, quello che puntiamo, è sicuro. Poi dipende dalle situazioni. Jovic è nostro, ma dipende anche dal mister, da quanti attaccanti gli servono. Vogliamo giocatori che saranno utilizzati, non comprarli per poi fargli perdere tempo. Avere 3 attaccanti sarà possibile, vediamo come si muoverà il calciomercato”.

Il paragone da evitare calcio-football americano

Prima Ibrahimovic in conferenza ha chiarito, rispondendo alle numerose domande dei giornalisti presenti, che per far arrivare nuovi giocatori c’è bisogno di “fare spazio”. Questo il riferimento del senior advisor di RedBird Capital Partners: “Non vogliamo avere una rosa di 30 giocatori, ma di 23. I nuovi arriveranno ma bisogna creare spazio, il mister non dovrà avere giocatori non funzionali al suo progetto. Bisogna pensare anche a chi esce. Non è solo portare, portare, portare. Non è football americano con 40 giocatori”. La strategia ora è creare spazio nella rosa facendo uscire i giocatori non funzionali al progetto per permettere l’arrivo dei nuovi.

Ultime news

Notizie correlate