Wenger analizza il Mondiale: “Addio dribbling, chi corre di più è già a casa”