“Non basta schioccare le dita”: Milan, Trevisani va contro la società