Totti: “Maldini? Io e lui fuori dal calcio per un motivo!”

I più letti

Andrea Rabbi
Nato sul Lago di Garda alla fine del 1998, laureato in Editoria e Giornalismo. Ho da sempre coltivato il sogno che il calcio entrasse a far parte stabilmente della mia vita professionale, e poter iniziare questo percorso scrivendo della mia squadra del cuore è sicuramente motivo di grande orgoglio. Cresciuto accompagnato dalle gesta del grande Kakà, vago da tempo alla ricerca di un degno erede in maglia rossonera

Intervistato dal Corriere della Sera, Francesco Totti ha parlato anche di Maldini spiegando perchè entrambi sono fuori dal mondo del calcio

L’addio di Paolo Maldini dal ruolo di Direttore dell’Area tecnica del Milan nell’estate scorsa aveva destato molto scalpore, in particolare per il modo in cui una bandiera simile sia stata liquidata da un club in cui ha fatto la storia per anni. Intervistato dal Corriere della Sera, Francesco Totti ha parlato anche di Maldini spiegando per quale motivo entrambi sono ormai fuori dal mondo del calcio.

“A PIOLI MANCA MALDINI…MA IL PROBLEMA E’ UN ALTRO!”: L’EX A SUL MILAN

Totti sul calcio

“Cosa mi manca del calcio? Tutto. Il ritiro, lo spogliatoio, la maglietta, la sala massaggi. Cavolate? No, erano la mia vita. Mi manca il bar e il caffè con i compagni di squadra, il viaggio in pullman da Trigoria allo stadio. Mi manca la routine che ha fatto la mia vita per decenni. Quando è finita le giornate si sono svuotate. Dopo mi sono sentito solo. Ma ci sta. Finiva una cosa che mi piaceva, che era la mia vita. Io però non pensavo che mi facesse così male smettere quella vita programmata, quella passione che nella mia mente avrei potuto continuare a vivere. Non ho accettato il distacco dal calcio”.

Totti su Spalletti

“Con quale allenatore mi sono trovato meglio? Per primo Mazzone, che ricordo con grande affetto. Poi Zeman e il primo Spalletti. Lo devo dire. È la verità. Se lo incontrassi lo saluterei con affetto, mi farebbe piacere. Credo che tra noi ci sia un profondo legame. Anche perché quello che abbiamo passato insieme, quando arrivò da Udine, è per me, nella mia vita, qualcosa di irripetibile. Sia in campo che nel quotidiano. Io uscivo una o due volte a settimana con lui a cena. Luciano era una persona piacevole, divertente, sincera. Nella fase finale il nostro rapporto è stato condizionato dall’esterno, specie dai dirigenti o consulenti della società, e non ci siamo più capiti. Anche io ho fatto degli errori, ci mancherebbe. Credo che tutti e due, se tornassimo indietro, non entreremmo più in conflitto“.

L’AGENTE DI SESKO: “MILAN? CONFERMO! PARLAI CON MALDINI…”

Totti su Maldini e le bandiere

“Io ho passato trent’anni nella Roma. Ho portato rispetto a tutti, rinunciato ad altri ingaggi senza farlo pesare. Ho detto no al Real e altri perché volevo quella maglia, solo quella maglia giallorossa che è stampata dentro di me. Il modo in cui è finita la mia storia con la Roma, sì, mi è dispiaciuto. La verità è che quando nel calcio non servi più non c’è più rispetto. Se Maldini, Del Piero, Baggio, io siamo fuori dal calcio significherà qualcosa, no?”.

Totti su un ritorno alla Roma

“Certo che, con un ruolo definito, mi piacerebbe, per le ragioni che ho detto prima. E mi piacerebbe con Mourinho, è il numero uno, lo stimo molto. Mi dispiace non essere stato allenato da lui, nella mia carriera. Ma non voglio tornarci su. Non voglio chiedere. Alla Roma sanno che se hanno bisogno di me, per cose serie, mi fa piacere dare una mano. Altrimenti, amici come prima”.

“AMBIZIONE, MALDINI, JUVENTUS”: LA VERITÀ DI RAIOLA SU DONNARUMMA

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Totti Maldini

Ultime news

Notizie correlate