Maldini guida la difesa a tinte rossonere della top 11 di Frey

I più letti

Lorenzo Iadevaia
Classe 1996, appassionato a 360 gradi di calcio, sport con uno spiccato interesse per il campo della comunicazione, dell'informazione e dei media, è cresciuto professionalmente nelle web radio con sede in Toscana tra Prato e Firenze come speaker in programmi radiofonici e rubriche sportive e come web editor di un portale di informazione prima di approdare a Radio Rossonera in qualità di redattore del sito web e ritornare a occuparsi di calcio seguendo le notizie del mondo Milan. L’attenzione allo scenario social e il desiderio di essere sempre informato e aggiornato sono le caratteristiche che lo contraddistinguono.

Le 3 anime nazionali della top 11 di Frey composta da 3/4 della difesa e l’attacco dei fenomeni magici brasiliani del Milan di Ancelotti

Nella consueta top 11 di SportWeek, questa volta è toccato a Sebastian Frey stilare la propria formazione ideale tra compagni di squadra e avversari in campo: 3 difensori su 4 hanno militato nel Milan, compreso Paolo Maldini. Dalla cintola in su tanta Francia e Brasile a rappresentare un mix di qualità e corsa. Nell’attacco a 2 scelto dall’ex portiere di Fiorentina e Inter, c’è proprio un fenomeno con cui ha giocato nei neroazzurri di inizio millennio e che insieme al suo partner offensivo ha fatto innamorare tanti bambini del calcio. L’allenatore scelto è stata la guida dell’estremo difensore francese per un breve periodo nell’Inter. Qui la top 11 scelta da Frey per il settimanale de La Gazzetta dello Sport.

MALDINI E DUE EX MILAN NELLA TOP 11 DI STOICHKOV

Parole d’oro di Frey per Maldini e Nesta

Sebastian Frey ha costruito la sua top 11 per SportWeek che ha al proprio interno 3 anime: quella italiana in difesa capitanata da Paolo Maldini, quella francese e quella brasiliana da centrocampo in su riempiendo completamente l’attacco. In porta, l’ex portiere del Parma ha confessato di non aver avuto idoli nel calcio, ma una sola ispirazione: Peter Schmeichel. La difesa pensata è tutta italiana o quasi, infatti tutti e quattro hanno sviluppato la carriera in Serie A e tre di questi sono ex nazionali azzurri di cui 2 capitani. I giocatori scelti da Frey sono stati: Paolo Maldini (“la storia del Milan”), Fabio Cannavaro, Alessandro Nesta (“tatticamente e tecnicamente il più forte della sua generazione”) e l’altro ex Milan, Cafu.

TASSOTTI: “PIOLI DI PIÙ È IMPOSSIBILE! ERRORE CON MALDINI E MASSARA”

Attacco a tinte brasiliane-rossonere

Nella sua top 11 per il settimanale de La Gazzetta dello SportSebastian Frey ha scelto come vertice basso del centrocampo un compagno di nazionale come Claude Makelele, definito “un equilibratore pazzesco”. Più avanti tanta qualità e corsa con Roberto Carlos e il suo mancino che ha fatto la storia sull’ala sinistra. Zinédine  Zidane è stato l’ex calciatore inserito sulla trequarti insieme all’altro ex stella della Juventus: “uno dei rivali più temuti e stimati” da Frey. Infine, salendo in attacco c’è tutta samba con i due fenomeni brasiliani Ronaldo e Ronaldinho. Tutti e due i giocatori hanno militato nel Milan dandosi quasi il cambio. Il fenomeno è stato etichettato come “il re del tunnel” dall’ex portiere della Fiorentina mentre dinho è stato “la bellezza del calcio”. L’allenatore individuato per guidare questa squadra magica da sogno è Marcello Lippi che è stato tecnico di Sebastian Frey per un periodo limitato all’Inter.

“TUTTI VOGLIONO IL MILAN! ANCELOTTI TRA I PIÙ FORTI”: RONALDINHO IN SCENA

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ultime news

Notizie correlate