Tonali: “Io, i racconti di papà e il legame coi tifosi. Niente promesse, solo se…”

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Alla vigilia di Milan-Inter, parla anche Sandro Tonali. Di seguito, la sua intervista a Prime Video.

Parte dal “traguardo” della semifinale: “Credo sia il riassunto del percorso che abbiamo fatto insieme al mister in questi tre anni. Derby? Ci ho pensato subito, perché era impossibile non pensarci. I tifosi ci hanno dato veramente una forza incredibile in questi anni. Tutte le settantacinque mila persona che entrano a San Siro danno tutto per la vittoria e tu devi fare felice i tuoi tifosi”.

ULTIME NOTIZIE MILAN – L’EX SERIE A: “CREDO CHE LEAO CI SARÀ, ALTRIMENTI SARÀ UN 70-30 PER L’INTER”

Chi è la persona a cui Tonali è più legato? “Credo sia mia nonna all’interno della mia famiglia. Sono cresciuto con lei, non ci posso passare molto tempo. Mi segue molto, anche se non è amante del Milan. Però ama me e ho iniziato a farle amare anche il Milan”.

I derby del 2003 li ha visti da piccolissimo, eppure non glieli hanno raccontati: “Mio papà non me l’ha raccontato, non me lo faccio raccontare prima della fine del ritorno. Poi magari ci sarà un momento dopo quest’estate per vederlo”.

Poi, un pensiero per Mister Stefano Pioli: “Il mister è una persona a cui devo tanto, mi ha aiutato nel momento più difficile. Avere una persona come lui è importante, ti fa sentire a proprio agio e ti vuole bene. Delle volte rischia per farti stare bene. Ci vuole un secondo per decidere di non riscattare un giocatore: lui ha espresso il suo pensiero nei miei confronti e il suo pensiero si è sentito”.

Sul ruolo, Tonali spiega: “Non ho un ruolo fisso, non mi piace averlo. Sono a disposizione delle scelte che il mister fa per la squadra”.

Cosa farebbe in caso di finale? “Fa un certo effetto pensare che a distanza di sedici anni siamo in semifinale. Adesso che siamo qui bisogna dare il massimo. Magari puoi fare riascoltare questo audio ad un ragazzo fra vent’anni… Se arriviamo in finale non faccio niente, se vinco la finale magari qualcosa sì. I capelli non me li taglio, un altro tatuaggio? Può essere, ma abbiamo tempo per pensarci”.

Segui la nostra pagina Facebook per non perderti nulla di quello che succede nel mondo Milan!

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

tonali euroderby

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime news

Notizie correlate