Tomori: “Razzismo? Va oltre lo sport, è un problema di educazione”

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

Fikayo Tomori si è raccontato questa mattina in un’intervista alla rivista GQ. I temi? Il Milan, lo scudetto e il razzismo negli stadi.

Sullo scudetto vinto
“All’inizio della stagione scorsa in pochi pensavano che fossimo in grado di vincere, ma dal giorno in cui sono arrivato eravamo consapevoli di avere un’ottima squadra. Eravamo forti e lo sapevamo. Credo che lo scudetto dell’anno scorso sia stato meritato, abbiamo costruito qualcosa d’importante”.

Sulla festa scudetto e sulla scorsa stagione
“Il tour sul pullman per la città è stato incredibile, avevamo tifosi in ogni angolo: è stato il momento migliore della mia carriera. Ora vogliamo ripeterci. Chi segue il calcio sa che il Milan è un top club con una storia importante, conosciuta in tutto il mondo. Mi ha voluto Maldini, da difensore è stato un fattore che mi ha reso felice. Con l’infortunio di Kjaer avevo capito che era arrivato il momento di uno step successivo, avere continuità per diventare leader”.

LEGGI QUI ANCHE   -ESCLUSIVA CALCIOMERCATO: ONANA, L’OFFERTA NON CAMBIA! COSA SUCCEDERA’ CON TANGANGA?-

Sul problema del razzismo negli stadi
“È un problema di educazione. A volte le persone vanno ignorate quando dicono cose stupide, ma arriva sempre il momento in cui bisogna battersi per il proprio popolo. Il razzismo va oltre lo sport, dovrebbero intervenire il Governo e chi fa le regole. Il calcio fa il suo attraverso campagne di sensibilità e iniziative giuste, bisogna continuare su questa strada”.

Sull’emozione di giocare a San Siro
“Non ci ero mai stato, quando l’ho visto pieno per la prima volta è stato bellissimo. Ricordo la prima gara di Champions in casa con l’Atletico, ero a mio agio; e anche se non abbiamo vinto c’era una grande atmosfera. In Inghilterra la gente arriva all’ultimo minuto allo stadio, qui è pieno già nel riscaldamento. Nell’ultima di campionato con l’Atalanta in tribuna c’erano anche i miei amici, e ogni volta che ci incontriamo mi fanno vedere le foto di quel giorno”.

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

photocredits: acmilan.com

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime news

Notizie correlate