Thiaw: “Milan? Ancora non ci credo. Ibra gigantesco, Maldini…”

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Malick Thiaw, convocato per la prima volta in nazionale maggiore, ha parlato direttamente dal ritiro della Germania. Lunga la sua intervista a DFB.de.

Malick, in che lingua sogni? “In tedesco (ride, ndr)”.

Però oltre al tedesco parli anche finlandese, inglese e un po’ di wolof. E probabilmente ora parla anche l’italiano, vero? “Un po’. Non ancora bene. Capisco già molto, ma il mio modo di parlare in italiano deve ancora migliorare. C’è margine di miglioramento”.

Avevi dei sogni così grandi per quanto stai realizzando o eri più modesto? “Quand’ero piccolo pensavo solo a giocare a calcio. E sognavo di giocare per i grandi club e per la nazionale tedesca. Fino all’età di 14 o 15 anni. Poi ho capito che se avessi dato il massimo e lavorato sodo avrei potuto sfondare come professionista. Ho capito cosa era importante”.

ULTIME NOTIZIE MILAN – DIAZ, DALLA SPAGNA: “MA QUALE RISCATTO? SI È CONVINTO DI TORNARE A MADRID”

Quando un sogno si realizza, come in questi giorni con la Nazionale: come ci si sente? “Super. Mi rende felice e orgoglioso. E dimostra che tutto il duro lavoro degli ultimi anni, il sostegno incondizionato della mia famiglia, che mi è sempre stata vicina, sta dando i suoi frutti. Ma anche ora che sono qui con la Nazionale, non voglio fermarmi nel mio sviluppo. Voglio imparare e migliorare”.

Come riesce a rimanere con i piedi per terra quando le cose salgono così velocemente? La stampa italiana, che non è nota per la sua moderazione, ha già definito Thiaw una “nuova leggenda”. “Ognuno ha il suo punto di riferimento: per me è la famiglia. I miei genitori mi hanno educato a essere sempre una persona modesta e con i piedi per terra, è stata una buona scuola. Mi hanno insegnato cos’è importante nella vita. Sarò sempre guidato da questo insegnamento, indipendentemente dai risultati che otterrò come calciatore”.

Anche una leggenda del Milan come Paolo Maldini, cinque volte vincitore della Champions League e secondo classificato con l’Italia, parla bene di lei. “Come direttore sportivo, assiste a ogni allenamento. Sa esattamente in quali cose devo migliorare e in quali sto già facendo abbastanza bene. Questo è ciò che mi dà, e gliene sono molto grato”.

Però, Paolo Maldini non l’ha visto giocare. Quale giocatore associava al Milan da bambino? “Ronaldinho è stato il primo. Ma a posteriori, il giocatore che associo di più al Milan è Kevin-Prince Boateng. I suoi due gol contro il Barcellona e l’Arsenal mi hanno fatto impazzire all’epoca. Ero ancora molto giovane, guardavo le partite in TV e pensavo: Wow!”.

Ora è lei a indossare la maglia rossonera: che significato ha? “Ogni volta che entro nello spogliatoio e vedo la mia maglia con il mio nome e il mio numero sopra, mi sento molto orgoglioso e felice. Non riesco ancora a rendermene conto”.

Anche i modi del suo compagno di squadra Zlatan Ibrahimovic sono leggendari. Cosa ti ha già trasmesso? “Ogni allenamento dà qualcosa ai suoi compagni di squadra. È un grande uomo, un vero capo e odia perdere. È qualcosa di gigantesco poter giocare con lui. È un grande onore e mi rende incredibilmente orgoglioso. Anche da bambino lo guardavo in TV e lo ammiravo”.

Come ha reagito alla tua convocazione in Nazionale? “Mi ha detto di stare tranquillo. E che questo è solo l’inizio”.

ULTIME NOTIZIE MILAN – GERMANIA, IL CT U21: “THIAW? PARLO DA MESI CON PIOLI, QUANDO NON GIOCAVA…”

Il calcio italiano sta vivendo una nuova rinascita: ci sono tre squadre italiane nei quarti di finale della Champions League, più di qualsiasi altra nazione. Come percepisce il calcio in Italia? “In Germania, negli ultimi anni, non si è parlato molto della Serie A. Per questo l’alto livello mi ha sorpreso quando sono arrivato a Milano. Era molto meglio di quanto mi aspettassi. Tutte le squadre sono molto preparate tatticamente, è difficile vincere contro qualsiasi squadra, specie fuori casa. Si difendono molto bene”.

Thiaw, cosa si aspetta da Milan-Napoli in Champions League? “Il Napoli sta disputando una grande stagione in campionato e in Champions League, ma speriamo che sia finita qui. Noi siamo il Milan. Chi conosce la nostra tradizione, con sette Champions League vinte, sa che questa è la nostra casa”. 

Lei ha radici familiari nell’estremo nord e nel sud. Ora, geograficamente parlando, lei è approdato più o meno al centro. È logico che si senta a casa in Italia? “La cultura italiana mi si addice molto. La gente è molto aperta e alla mano. Mi sono trovato molto bene qui fin dall’inizio. Anche se all’inizio è stato un po’ difficile comunicare”.

Il suo cognome “Thiaw” si pronuncia come “Ciao”. È più facile da pronunciare per gli italiani? “Me lo aspettavo. Ma hanno gli stessi problemi di tutti gli altri (ride)”.

 Avrebbe potuto giocare per la Finlandia e il Senegal in Nazionale, ma è sempre stato chiaro che avrebbe scelto la Germania? “È sempre stato il mio obiettivo. La Germania è una grande nazione calcistica, un vero Paese calcistico con una squadra nazionale di grande successo, per la quale tifavo da bambino in tutte le partite. Ho sempre creduto di avere le qualità per giocare in Germania. Ma naturalmente non potevo mai essere sicuro che ce l’avrei fatta. Finora è andato tutto bene. Ora sono con la Nazionale”.

Come hai resistito al corteggiamento delle altre nazioni? “La Finlandia in particolare ha cercato in tutti i modi di conquistarmi. Ma io e la mia famiglia avevamo un obiettivo preciso, che era quello di giocare per la Germania”.

Dopotutto, giocare per la Nazionale tedesca è quasi una rimpatriata di classe per te, che rivedi tanti campioni europei U-21 come te. “È bello vedere qui tanti volti noti. Li conosco bene, siamo amici. È così che ci si sente subito. Abbiamo grandi obiettivi, ma anche tanto divertimento insieme. Tutto sommato, Hansi Flick e la squadra ci hanno dato un grande benvenuto”.

Quando hai già realizzato tanti sogni come quelli che hai realizzato in giovane età, quali sono quelli che ancora rimangono? “Ce ne sono ancora molti. Un Campionato Europeo nel mio Paese è un sogno, l’anno prossimo si svolgerà in Germania. E vorrei vincere molti altri titoli. Ogni titolo ti fa desiderare di più. È questo che rende i campioni”.

Segui la nostra pagina Facebook per non perderti nulla di quello che succede nel mondo Milan!

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

thiaw
photocredits: acmilan.com

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime news

Notizie correlate