il 11/01/2024 alle 12:44

Milan-Atalanta, le pagelle di Terracciano: “Ordinario, si abituerà?”

0 cuori rossoneri

Le prime pagelle di Terracciano da quando indossa la maglia del Milan: i voti della stampa post Atalanta

Milan-Atalanta non è stata solo la partita che ha determinato l’addio dei rossoneri alla Coppa Italia ai quarti di finale, ma ha anche rappresentato il primo passo della carriera di Filippo Terracciano con la maglia del Diavolo. Entrato con il nuovo numero 38 dell’amico Destiny Udogie al minuto 61, l’ex Hellas Verona ha mostrato subito personalità e voglia di incidere. La duttile arma tattica del tutto nuova ai tifosi del Milan ha dovuto comunque fare i conti con un ingresso non semplice. Infatti, Terracciano è subentrato ad Alex Jiménez sulla corsia di sinistra nel 3-4-3 inedito di Stefano Pioli e, oltretutto, sul punteggio di 1-2. Mentre i milanisti non vedono l’ora di scoprirlo, diamo un’occhiata ai giudizi che gli hanno riservato i principali quotidiani sportivi italiani di oggi.

Terracciano esordisce in Milan-Atalanta: ecco i primi voti dai giornali

TERRACCIANO: “MILAN, LOTTERÒ PER TE! IL MIO RUOLO, KOBE E… UDOGIE”

Le prime pagelle rossonere

Partendo dalle pagelle de La Gazzetta dello Sport, che gli ha assegnato un 5.5. La valutazione è la seguente: “Esordio a sinistra con una mezza occasione: non crede abbastanza in una palla di Leao e arriva con un secondo di ritardo. Si abituerà… Per il resto, ordinario”. Per il Corriere dello Sport, invece, la sua prestazione è sufficiente. Ecco spiegato il suo 6: “Esordio assoluto con la maglia milanista, gioca semplice, posizionato a centrocampo come esterno sinistro“. Anche per Tuttosport, infine, Terracciano merita un 6.

MILAN, PELLEGATTI SU TERRACCIANO IN ESCLUSIVA: “I RETROSCENA DELLE DUE TRATTATIVE”

Filippo chiarisce

In fase di presentazione, ieri ai canali ufficiali del Milan, ha parlato lui stesso dei ruoli in cui si sente maggiormente sicuro. Così a Milan TV:

“Ho iniziato a giocare da centrocampista, questo mi ha permesso di fare sempre le due fasi, offensiva e difensiva, quindi già da lì ho iniziato a svolgere più funzioni in campo. Poi sono stato adattato da terzino e quest’anno ho ricoperto altri vari ruoli e devo dire che mi adatto velocemente. Ho questa duttilità: per qualsiasi ruolo che ho fatto ho un periodo di adattamento molto veloce. La cosa principale è aiutare la squadra e mettersi a disposizione dell’allenatore. Pioli? Mio papà mi ha parlato di lui in maniera positiva, che è una persona molto semplice e non vedo l’ora di iniziare a lavorare con lui”.

MILAN, TERRACCIANO SOLO TERZINO? PELLEGATTI AZZARDA: “LO SOSTITUIRÀ”

SCORRI IN BASSO PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

NOTIZIE MILAN