Milan, Teotino sui portoghesi: “Conceicao e Amorim diversi, Fonseca lo conosciamo”

I più letti

Lorenzo Iadevaia
Classe 1996, appassionato a 360 gradi di calcio, sport con uno spiccato interesse per il campo della comunicazione, dell'informazione e dei media, è cresciuto professionalmente nelle web radio con sede in Toscana tra Prato e Firenze come speaker in programmi radiofonici e rubriche sportive e come web editor di un portale di informazione prima di approdare a Radio Rossonera in qualità di redattore del sito web e ritornare a occuparsi di calcio seguendo le notizie del mondo Milan. L’attenzione allo scenario social e il desiderio di essere sempre informato e aggiornato sono le caratteristiche che lo contraddistinguono.

L’opinione del giornalista sui tecnici portoghesi per il Milan: pregi e limiti di Conceicao, Amorim e Fonseca

Gianfranco TeotinoSky Sport è intervenuto sui tre tecnici portoghesi finiti nel mirino del Milan: Fonseca, Conceicao e Amorim. Il giornalista ha promosso quanto fatto in Portogallo dal tecnico del Porto e da quello dello Sporting Lisbona, ma per un giudizio definitivo aspetta vederli anche in campionati di livello maggiore. Sull’ex allenatore della Roma ha evidenziato i pregi e i limiti. Qui le parole di Teotino a Sky Sport 24.

Pregi e limiti di Fonseca

Gianfranco Teotino negli studi di Sky Sport ha commentato le notizie relative al prossimo allenatore rossonero. Il giornalista si è espresso sulle qualità di Sergio Conceicao e di Ruben Amorim, ma in Italia al Milan le difficoltà aumenterebbero rispetto al Portogallo: “Allenatori diversi fra di loro, due sono ancora nella fase di decollo della loro carriera, sia Amorim che Conceicao hanno fatto bene in Portogallo e devono essere messi alla prova nel calcio che conta”. Di Fonseca, Teotino ha così parlato: “lo abbiamo visto già all’opera e ne conosciamo pregi e limiti”.

Le differenze tra Conceicao e Amorim seguiti dal Milan

Teotino nella sua riflessioni sul prossimo allenatore del Milan ha evidenziato il tipo di gioco di Amorim allo Sporting: “Il calcio di Amorim è per certi versi “Gasperiniano”, un calcio propositivo basato su duelli e una forte componente fisica”. Diverso e più italiano l’approccio di Conceicao, così il giornalista: “Il calcio di Conceicao è invece più tradizionale”.

Ultime news

Notizie correlate