Stella Rossa-Milan: la grinta e la determinazione del fattore “ić”