Turbolenze in volo, telefonate ai top player…poi avanti con Pioli

I più letti

Lorenzo Iadevaia
Classe 1996, appassionato a 360 gradi di calcio, sport con uno spiccato interesse per il campo della comunicazione, dell'informazione e dei media, è cresciuto professionalmente nelle web radio con sede in Toscana tra Prato e Firenze come speaker in programmi radiofonici e rubriche sportive e come web editor di un portale di informazione prima di approdare a Radio Rossonera in qualità di redattore del sito web e ritornare a occuparsi di calcio seguendo le notizie del mondo Milan. L’attenzione allo scenario social e il desiderio di essere sempre informato e aggiornato sono le caratteristiche che lo contraddistinguono.

Il quotidiano racconta i fatti che hanno portato alla conferma di Pioli dopo le accuse rivolte dalla società e i 2 nomi per il futuro

Stefano Pioli è al momento confermato sulla panchina del Milan. Questo è stato l’esito delle riflessioni durate una giornata della società dopo il pari deludente di 2-2 all’“Arechi” di Salerno. La Gazzetta dello Sport nell’edizione odierna ha raccontato la notte che ha seguito la sfida in Campania e le motivazioni che hanno portato alla temporanea conferma del tecnico emiliano sulla panchina rossonera. La rosea ha evidenziato i problemi che hanno fatto mettere a rischio la posizione di Pioli e le due ipotesi per gli eventuali sostituti durante la stagione o a partire dalla prossima.

PIOLI È A RISCHIO DOPO SALERNITANA-MILAN: DUE MOTIVI DI RIFLESSIONE

Le ore dopo Salernitana-Milan fino alla conferma di Pioli

Stefano Pioli ha ricevuto la conferma di fiducia a tempo dal MilanIl risultato finale delle ore di riflessione che hanno coinvolto la società tra casa Milan e gli Stati Uniti hanno prodotto questa decisione. La Gazzetta dello Sport nella giornata di oggi ha svelato i fatti avvenuti dopo Salernitana-Milan. La delusione del club tangibile nelle turbolenze nel volo che ha riportata la squadra a Milano. Poi tante telefonate tra cui quella decisiva fra il fondatore di RedBird Gerry Cardinale e l’amministratore delegato del Milan Giorgio Furlani, che prodotto la decisione finale di confermare Pioli. Prima ancora tante chiamate ai top player della rosa, che avrebbero dato anche loro fiducia al proprio allenatore.

(VIDEO) TOMORI RIFIUTA LA STRETTA DI MANO DI PIOLI DOPO LA SOSTITUZIONE

Il prep. atletico Osti sul banco degli imputati

Le telefonate di ieri tra la dirigenza del Milan e i leader della formazione allenata da Pioli sono legate a uno dei capi di imputazione all’allenatore: la mancanza di fuoco vista tra i top a Salerno. La società ha voluto tastare i sentimenti di questi giocatori prima di prendere una decisione. L’altra accusa a Pioli è quella degli infortuni: dal record italiano a quello europeo per infortuni in generale e problemi muscolari. Sul banco degli imputati è finito il preparatore atletico Matteo Osti, un passato tra Chievo e Palermo, prima di iniziare a collaborare con l’emiliano a Bologna nel 2011. Nel 2021-2022 era stata il miglior preparatore in Italia, un’era fa.

PADOVAN: “PIOLI AL MILAN PER ME A RISCHIO! IL PROBLEMA REALE IL MEDESIMO”

2 soluzioni per il dopo Pioli al Milan

Guardando al futuro La Gazzetta dello Sport ha indicato due soluzioni per il dopo Pioli nella prossima stagione: una max e una minimal. Antonio Conte è voglioso tornare ad allenare in Italia e il Milan ha la squadra che più è assimilabile alle caratteristiche richieste dal tecnico ex Juventus. Sorgono 2 problemi: l’ingaggio fuori portata per la società di RedBird e la richiesta di giocatori top e costosi fin da subito. Quest’ultima contrasta con la visione della proprietà americana. L’alternativa è Ignazio Abate, attuale allenatore della Primavera, molto amico del neo senior adivsor RedBird Zlatan Ibrahimovic. L’ex terzino rossonero non è solo una soluzione di emergenza se le cose precipitassero.

(VIDEO) IBRAHIMOVIC, UNO SGUARDO PER RISPONDERE AGLI INSULTI

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ultime news

Notizie correlate