Milan, F. Galli promuove Pioli: “Voto superiore a 7, contributo fondamentale” (ESCLUSIVA)

I più letti

Lorenzo Iadevaia
Classe 1996, appassionato a 360 gradi di calcio, sport con uno spiccato interesse per il campo della comunicazione, dell'informazione e dei media, è cresciuto professionalmente nelle web radio con sede in Toscana tra Prato e Firenze come speaker in programmi radiofonici e rubriche sportive e come web editor di un portale di informazione prima di approdare a Radio Rossonera in qualità di redattore del sito web e ritornare a occuparsi di calcio seguendo le notizie del mondo Milan. L’attenzione allo scenario social e il desiderio di essere sempre informato e aggiornato sono le caratteristiche che lo contraddistinguono.

L’opinione in esclusiva dell’ex difensore Filippo Galli sulla separazione anticipata tra Pioli e il Milan

Filippo Galli nell’intervista rilasciata in esclusiva ai nostri microfoni ha parlato anche della fine anticipata di un anno rispetto al termine del contratto tra Stefano Pioli e il Milan. L’ex bandiera rossonera è stato chiamato a dare un voto sul ciclo del tecnico emiliano sulla panchina rossonera. Galli ha provato a dare alcune spiegazioni sulle motivazioni che hanno portato alla separazione tra le parti. Qui le dichiarazioni a Radio Rossonera.

Pioli all’altezza della situazione al Milan

Filippo Galli ha parlato in esclusiva della fine del rapporto tra Stefano Pioli e il Milan. L’ex giocatore rossonero ha promosso a pieni voti il lavoro svolto dall’allenatore a Milanello e il voto alla sua esperienza è molto positivo: “Un voto è difficile darlo, perché il numero toglie tanto. Certamente più di 7″. Galli ha così continuato la sua analisi sul trascorso di Pioli al Milan: “Nonostante poi nel finale ci siano state tante problematiche. Devo dire che Stefano è stato all’altezza della situazione, perché non dobbiamo dimenticarci dove si trovava il Milan. È vero che ha avuto a disposizione una squadra importante, però il suo contributo è stato fondamentale”.

Le possibili ragioni della separazione

Sulle reali motivazioni della separazione anticipata tra Pioli e il Milan, Galli ha dichiarato che la separazione è stata vista come consensuale e non ha dubbi sulle possibilità del tecnico di iniziare presto una nuova avventura: “È difficile dirlo, a volte i cicli finiscono. Ci sono stati tanti allenatori al Milan che hanno fatto bene e poi a un certo punto qualcosa, non necessariamente si rompe, ma c’è la necessità di separarsi. Magari c’è bisogno di nuove spinte, di nuove motivazioni. Probabilmente è stata la società a prendere per prima la decisione, però è stato vissuto come un qualcosa di consensuale. Quindi va bene così, non credo Pioli avrà difficoltà a trovare un nuovo club e il Milan farà una scelta di conseguenza”.

Ultime news

Notizie correlate