Stadio Milan, perché treni e parcheggi possono essere un ostacolo?

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Il nuovo stadio del Milan a San Donato presenta due nodi da sciogliere: treni e parcheggi. Il quotidiano spiega il motivo

Il tema del nuovo stadio del Milan è sempre attuale dal momento che il club ha presentato al Comune di San Donato un progetto che vorrebbe anche mettere in pratica. Tuttavia, bisogna tenere in considerazione che dalla progettazione alla realizzazione c’è da fare i conti con alcuni punti critici che si possono riscontrare nel percorso. Il quotidiano La Notizia, oggi ne mette in evidenza due: i treni e i parcheggi. Perché la viabilità rappresenta un tema?

“SAN DONATO? MILAN, RIFLETTI”: NUOVO STADIO, L’ASSESSORE E LA LINEA DEL COMUNE

Non ci saranno treni in più

Stando a quanto riferisce il giornale, i tifosi a oggi non potrebbero raggiungere o lasciare lo stadio con treni straordinari messi a disposizione da Trenord per l’afflusso e deflusso degli spetper sulle linee S1 e S12. Il motivo è semplice: quei treni non ci saranno. Come scrive Calcio e Finanza, è una presa di coscienza che arriva dalla risposta data due giorni fa da Regione Lombardia all’interrogazione presentata dal consigliere regionale Pd. Pietro Bussolati aveva chiesto se la Regione fosse stata coinvolta nel progetto stadio e se avesse deciso di mettere a disposizione dello stadio convogli speciali in concomitanza delle partite di campionato e Champions. La Regione ha confermato il coinvolgimento, ma i treni in più non ci saranno. Solamente, invece, l’aumento di alcune carrozze e il prolungamento di alcune corse.

Per il Milan questo è un tema perché nel dossier il club prevedeva 16.100 tifosi allo stadio grazie ai mezzi pubblici. Però, per permettere a quei 16.000 tifosi di usare i treni, lo stesso Milan prevedeva la stringente necessità di potenziarne il numero, soprattutto il servizio sulla S1, oggi ancorato a un treno ogni 30 minuti.

NUOVO STADIO MILAN, SALA ALL’ATTACCO: “INVITO A RIPENSARCI”

Il tema parcheggi

Il secondo nodo da sciogliere riguarda il traffico automobilistico. Si prevede che saranno oltre 37mila i tifosi che raggiungeranno il nuovo stadio del Milan in auto. Poi 5.600 in moto, 1400 in bici o monopattino e, infine, 9.100 con taxi e bus. Secondo i progettisti, considerando tre persone ad auto e una per moto, servono «12.896 stalli per le auto e 4.942 per le moto». Tuttavia, nel sito i posteggi previsti sono il 24% del fabbisogno. 

PARLA SCARONI: “FISSATI L’INIZIO DEI LAVORI E L’INAUGURAZIONE DELLO STADIO DEL MILAN”

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ultime news

Notizie correlate