Stadio Milan, Scaroni: “Ristrutturare San Siro a due condizioni: attendiamo WeBuild”

I più letti

Piero Mantegazza
Nato il 21-11-2000. Laureando in Economia e gestione dei beni culturali e dello spettacolo all'Università Cattolica del sacro cuore di Milano. Redattore di Radio Rossonera, innamorato del Milan e dello sport in generale.

Il presidente del Milan, Paolo Scaroni, è tornato sui temi di attualità: il futuro di Pioli, i rumors arabi e la questione stadio con la ristrutturazione di San Siro

Il nuovo stadio del Milan è il tema più caldo: Paolo Scaroni spiega come stanno le cose. Ci sono due opzioni: continuare a San Donato o provare a ristrutturare San Siro. Il presidente del Milan fissa delle condizioni e allontana le voci sul futuro di Pioli.

Stadio Milan: tra San Donato e San Siro

Paolo Scaroni a Dazn prima di Milan-Empoli.

Il presidente tranquillizza su Pioli: Questa cosa del futuro di Pioli è un tormentone da tanti mesi… Tormentone solo mediatico, di certo non all’interno della squadra. Ha detto molto bene ibrahimovic, deve continuare a lavorare tranquillo e tutto andrà bene”.

Scaroni si è soffermato poi sul possibile inserimento del fondo PIF: “Ha detto molto bene Giorgio Furlani, non c’è nulla di vero, nulla di vero. Un altro tormentone che ci riguarda che lascio passare con tranquillità. Non sta succedendo proprio niente”.

Il tema caldo rimane quello dello stadio del Milan: “Premesso che noi come Milan continuiamo a portare avanti il progetto San Donato, che è la nostra priorità: abbiamo speso 40 milioni, è un fronte che continua. Su San Siro il sindaco Sala vuole fare un ultimo tentativo per ristrutturare San Siro. Noi naturalmente non possiamo che dire sì. Diamo gli elementi a WeBuild in modo che possa fare un progetto. Questo progetto riguarda cosa si può fare a San Siro per renderlo moderno e adatto alle nostre esigenze. Secondo, come possiamo farlo continuando a giocare a calcio: due squadre che giocano nelle coppe tra l’altro. Che razza di impatto tutto questo può avere sulle squadre, sui tifosi e sul nostro pubblico. Prima di dare un giudizio vediamo cosa ci darà WeBuild che sta lavorando attivamente e ci ha promesso un risultato per giugno”.

Ultime news

Notizie correlate