Stadio Milan, Sala: “A San Siro almeno fino al 2030! Ecco la mia proposta”

I più letti

Piero Mantegazza
Nato in provincia di Como nel 2000, laureato in Economia dei beni culturali e dello spettacolo. Ho mosso i primi passi nel giornalismo a “La Provincia di Como” per poi passare a Radio Rossonera. Raccontare lo sport è la mia passione: calcio e tennis non devono mai mancare. Fin da bambino il focus è il Milan, che è come una seconda famiglia. Innamorato delle bandiere e delle loro ineguagliabili storie, ormai sempre più in via d’estinzione

Sala non vuole il nuovo stadio del Milan e non molla: la proposta di ristrutturazione di San Siro, le cifre e l’ipotesi di vendita

Da tempo la priorità per il Milan è il nuovo stadio, il sindaco Beppe Sala però continua a sperare di tenere in vita San Siro. La società rossonera ha di recente acquistato i terreni a San Donato dove dovrebbe sorgere il nuovo impianto, Sala però ricorda ai club la parola data fino al 2030. Il sindaco di Milano chiede di riflettere sulla ristrutturazione di San Siro e spiega quale sarebbe l’impatto economico per i club per il diritto di superficie della scala del calcio.

MILAN, SCARONI: FUTURO PIOLI? CALMA PIATTA! NUOVO STADIO? L’HA CHIESTO SALA”

San Siro in vendita?

Il sindaco di Milano, Beppe Sala, ha rilasciato un’intervista al Corriere della Sera in cui affronta il tema stadio per Milan e Inter. La sua proposta riguarda comunque San Siro, il sindaco scoraggia i club a investire così tanto per un nuovo impianto e spiega i vantaggi di rimanere alla scala del calcio.

“È legittimo che le squadre cerchino la possibilità di fare un altro stadio perché si patrimonializzano ed è doveroso che io difenda lo stadio, anche perché se vanno via cosa faccio con San Siro? Dovrò trovare una soluzione e metterlo in vendita. Non è semplice oggi fare uno stadio in un territorio molto urbanizzato”.

Le tempistiche

“Sapendo che le squadre hanno garantito di stare a San Siro fino al 30 giugno del 2030, si parla comunque di un lungo percorso. Anche se solo apparentemente, conoscendo le complessità amministrative, potrebbe essere lunghissimo fino ad un certo punto”.

Sala ribadisce il fatto che Milan e Inter abbiano garantito di restare a San Siro fino a giugno 2030, il problema è che i rossoneri hanno già fissato una data di possibile esordio nel nuovo impianto e questa è il 2028/2029. Staremo a vedere chi vincerà questo tira e molla: nell’accordo con il Comune è prevista la possibilità di disdire l’accordo in vigore con due anni di anticipo.

San Siro e nuovo stadio Milan: tra pro e contro

“Io non voglio fare i conti in tasca a Inter e Milan, ma fare uno stadio nuovo, serio, costa almeno 1,2 miliardi. Almeno. Allora io dico alle squadre: San Siro vale 100 milioni, con un diritto di superficie a 90 anni mi date 1 milione l’anno. Certo che dovete ristrutturarlo ma le cifre sono sostanzialmente diverse. Se non si possono fare i lavori mentre si gioca allora hanno ragione le squadre ma se si può il mio invito è rifletterci. Anche perché il PSG è costretto ad andare fuori Parigi, il Bayern è lontano lontano”.

L’EX MILAN: “PIOLI HA FATTO IL SUO TEMPO, DUE GIOCATORI SONO REGREDITI”

SCORRI IN BASSO PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ultime news

Notizie correlate