Stadio a Sesto, si può fare! Parla il sindaco: “Cardinale è stato qui”

DiDavide Giovanzana

Giu 1, 2022

Intervistato dalla Gazzetta dello Sport, il sindaco di Sesto San Giovanni Roberto Di Stefano ha raccontato la visita di Gerry Cardinale.

«Qui, nel caso, saremmo pronti fin da subito».

In che senso, sindaco?
«L’area è privata e il suo proprietario è d’accordo sulla cessione, l’amministrazione comunale è concorde. In altre parole: mancherebbero solo il via libera dei club».

Ci spieghi perché Milan e Inter dovrebbero scegliere Sesto.
«Perché non ci sono criticità. Perché i costi sarebbero più contenuti. Perché nell’arco di 18 mesi potrebbe essere posata la prima pietra, mentre a San Siro non saprei».

Costi più contenuti in base a quali calcoli?
«Sono aree già demolite e quasi del tutto bonificate. In altre parole, non c’è nulla da tirare giù, la superficie è già disponibile. Inoltre, trattandosi di un’area privata, non ci sarebbe bisogno di dibattito pubblico. Non trascurerei nemmeno le tempistiche: quando ci sono di mezzo i fondi, è un aspetto indispensabile in termini di capitalizzazione. Mi rendo conto di essere coinvolto dalla vicenda, ma i punti forti di questo progetto sono molteplici e non finiscono qui».

Prego, prosegua.
«Intorno allo stadio ci sarebbero 24 ettari di parco definiti nel piano urbanistico. Di quale metratura si parla a proposito dell’area del nuovo San Siro? Circa 130 mila metri quadri. Ecco, è un decimo dell’area che stiamo riqualificando noi. Si creerebbe un indotto di cui beneficerebbe anche Milano. E poi non ci sarebbero di mezzo concessioni a 90 anni e cose simili».

A proposito di Milano: immaginiamo che Cardinale abbia voluto sincerarsi di persona anche e soprattutto della logistica rispetto al capoluogo.
«Io ho fatto comprendere come Sesto sia da considerarsi area metropolitana milanese, sulla quale si stanno rigenerando le aree dismesse più grandi d’Europa. Da qui con un quarto d’ora di metropolitana sei in Duomo o a Linate. Si tratterebbe di un riposizionamento nell’interesse dell’utenza e del servizio. Inoltre la viabilità registrerebbe miglioramenti anche sulla base della realizzazione della nuova Città della Salute».

Ma in termini pratici, la visita di Cardinale com’è andata?
«È stata positiva e ci riaggiorneremo. Ha visionato l’area, assieme ai tecnici di Milano Sesto (che detiene la proprietà dell’area, ndr) e del Milan. Ha voluto capire il potenziale dell’area, i servizi, che adesso stanno analizzando. Mi rendo conto che le variabili sono tante: noi siamo disponibili, ora la palla passi ai club che dovranno valutare tempi, costi e certezza degli investimenti. Io al posto loro avrei già deciso…».

A Sesto San Giovanni fra pochi giorni ci saranno le elezioni: c’è il rischio che qualcosa possa cambiare nelle valutazioni del vostro Comune?
«No, in giunta siamo tutti favorevoli».

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Populous

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Tutti convocati

Radio rossonera live

torna al live

La radio 24/7 dedicata al Milan