Olivero: “Milan dagli Almanacchi agli algoritmi, attenzione a Sesko”