Dove vedremo la Serie A? Lo scenario cambia con… Lotito

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

Secondo quanto riportato da Repubblica in edicola questa mattina, la Lega Serie A ha un piano per salvare il mercato dei diritti TV di un campionato che agli occhi esteri continua ad essere poco esaltante. Per il quotidiano, il piano è strettamente legato all’emittente DAZN, la piattaforma streaming che oggi detiene i diritti per tutte e 10 le partite di ogni giornata del campionato di Serie A.

LEGGI QUI ANCHE   -SABATINI: “TRA KVARA E LEAO PRENDO KVARA, MA NON CAMBIO IDEA SUL MILAN…”-

Il contratto attuale con DAZN scadrà nel 2024, e le previsioni di mercato sono quelle di una tremenda flessione di quasi un terzo del valore rispetto agli oltre 900 milioni di euro dell’accordo siglato nel 2021. La Legge Melandri prevede che la Serie A può vendere i propri diritti solo per 3 anni, rendendo difficile se non impossibile anche per i colossi televisivi avere il tempo necessario per ammortizzare l’investimento. Con un allungamento della Legge dai 3 ai 5 anni, come succede in Spagna, lo scenario cambierebbe, DAZN potrebbe garantire cifre più alte e il mercato si potrebbe aprire a nuovi partner (Amazon ha già dimostrato qualche interesse). Per cambiare una legge dello Stato serve però un intervento normativo: ed ecco che potrebbe entrare in scena Claudio Lotito. Il presidente della Lazio, eletto in Senato con Forza Italia, potrebbe presiedere una commissione parlamentare e diventare il primo sostenitore di una riforma della legge Melandri.

LEGGI QUI ANCHE   -CHI E’ TED DIMVULA, L’AVVOCATO CHE SEGUE IL RINNOVO DI RAFAEL LEAO-

Venerdì è calendarizzata un’assemblea dei club e l’argomento di discussione sarà anche questo: più soldi dalle TV vorrebbe dire cominciare a valutare il vero piano per “salvare” la Serie A, ovvero l’ingresso dei fondi di investimento in Lega. Sul tavolo i presidenti hanno ricevuto varie manifestazioni di interesse, sicuramente quella del fondo Starlight Capitals e quella del “consorzio” di fondi Carlyle, Apax e Threehills. Venerdì si parlerà innanzitutto di strutturare la Lega in una Media Company. Ma l’ipotesi di lavoro che potrebbe emergere in corsa è un’altra: creare, insieme alla Media Company, anche una società di distribuzione. E offrirne una fetta a un fondo d’investimento, una fetta grande che potrebbe arrivare anche al 70%. Così facendo, i club resterebbero titolari esclusivi dei diritti del campionato. Sul tema della governance i club non vogliono cedere e nessuno, scrive Repubblica, investe senza comandare. Ma è presto per capire se potrà iniziare o meno una guerra tra fondi.

Segui la nostra pagina Facebook per sapere tutto quello che succede nel mondo Milan!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime news

Notizie correlate