Serie A, quanti errori degli arbitri: ecco gli otto più gravi secondo Rocchi

I più letti

Andrea Roderi
Studente universitario, appassionato di radio, podcast e Milan. Aspirante giornalista professionista.

Caos arbitri, la vetta della Serie A è “piena” di errori gravi: ecco gli otto episodi più importanti secondo Rocchi

Dopo la bufera abbattutasi sugli arbitri di Serie A, designatore Gianluca Rocchi ha cercato di fare chiarezza sui principali errori commessi in questa prima parte della stagione. Come preventivabile, gran parte degli abbagli (soprattutto in Sala Var) sono stati commessi a danno o a favore delle prime due della classe, Juventus e Inter. Nello specifico, secondo Rocchi, sono stati commessi otto errori gravi. Eccoli, nel dettaglio.

ARBITRI, ROCCHI: ORA BASTA! INTER-VERONA? IL RIGORE NON LO SBAGLIA NASCA…”

Serie A, quanto hanno influito gli arbitri?

Che il campionato di Serie A sia stato abbondantemente influenzato dalle scelte degli arbitri quest’anno è sotto gli occhi di tutti. Sia Juventus che Inter, infatti, sono implicate in gran parte degli otto errori segnalati da Rocchi. Iniziamo con Juventus-Bologna: manca un fallo di Iling-Junior su Ndoye a metà del secondo tempo. Il calcio di rigore per gli uomini di Thiago Motta avrebbe probabilmente deciso la gara. Ancora bianconeri protagonisti, questa volta come parte lesa, durante Sassuolo-Juventus: da rosso l’intervento di Berardi su Bremer (i neroverdi vinceranno poi il match). Poi, Genoa-Juventus: nei minuti finali manca un cartellino rosso a Malinovskyi per un intervento chiaramente pericoloso ai danni di Yildiz. Passiamo quindi all’Inter, protagonista (in negativo) di due chiari errori secondo Rocchi: la spinta di Bisseck su Strootman (da annullare, quindi, il gol di Arnautovic) e la gomitata di Bastoni su Duda (da annullare la rete di Frattesi). Gli altri episodi riguardano Monza-Lecce, Monza-Bologna e Sassuolo-Fiorentina.

MILAN-ATALANTA, CALVARESE IN ESCLUSIVA: “CAOS VAR, UN EPISODIO OPPOSTO AGLI ALTRI DUE”

Quanti altri errori?

Dopo le tante proteste sugli arbitri della Serie A, ha parlato anche il presidente dell’Aia, Pacifici: “Noi lavoriamo sull’uniformità, continuiamo a lavorare a testa bassa senza farci travolgere dalle critiche. Di questa prima parte di campionato sono soddisfatto, anche se possiamo fare di più e meglio”. Una dichiarazione che stona (e non poco) osservando i tanti errori nelle ultime giornate. Come sarebbe la classifica, soprattutto in vetta, se non ci fossero stati episodi come quelli segnalati da Rocchi? Considerando le polemiche in Milan-Atalanta, la strada per un miglior utilizzo del Var sembra ancora molto lunga.

KRUNIC, DAL MILAN AL FENERBAHCE: STIPENDIO, CIFRE E IL MOTIVO DIETRO LA CESSIONE

SCORRI IN BASSO PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

 

Ultime news

Notizie correlate