Sconcerti: “Vi dico cosa serve a Leao per diventare un fuoriclasse”

DiDavide Giovanzana

Feb 11, 2022

Nel suo editoriale sulle colonne del Corriere della Sera, Mario Sconcerti analizza Rafael Leao tra pregi (tanti) e difetti (pochi).

“Oggi Leao è uno dei talenti più fini del calcio mondiale. Viene spesso paragonato a Thierry Henry per le lunghe traversate in dribbling sulla fascia sinistra, territorio di caccia anche del francese. La leggerezza è la stessa, il passo diverso, la conclusione anche di più. Leao ha un passo più corto, più pieno di curve.”

“Henry era una prima punta, Leao è un attaccante sublime ma segna ancora poco. Non troppo poco, è su una media a partita vicina allo 0.30, ma non basta per avvicinarsi ad Henry che negli 8 anni all’Arsenal era su una media di quasi 0.70. Per avere un riferimento, Inzaghi e Vieri hanno chiuso con 0.49”

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

“In sostanza Leao è una sceonda punta, prepara il gol agli altri e segna abbastanza per conto suo. Un secondo attaccante ideale.”

“In fondo però non ha ancora 23 anni, li farà a giugno. E’ possibile che fra un paio di stagioni sia uno dei migliori attaccanti al mondo. Dovrà però arrivare a segnare 12-15 gol a campionato.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Tutti convocati

Radio rossonera live

torna al live

La radio 24/7 dedicata al Milan