Padovan severo: “Scommesse, punire subito! Carriere sventrate”

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

Il giornalista ha detto la sua sul caso scommesse che ha coinvolto nelle ultime ore Sandro Tonali, Nicolò Zaniolo e Nicolò Fagioli (al momento)

È la notizia che sta facendo tremare il mondo del calcio, quella del giro di scommesse che coinvolge Sandro Tonali, Nicolò Zaniolo, Nicolò Fagioli e a quanto pare anche diversi altri calciatori di spicco del panorama italiano. I commenti non si sprecano nelle ultime ore, da quelli ufficiali delle società a quelli di giornalisti ed opinionisti del mondo del calcio. E’ il caso di Giancarlo Padovan, che ha affidato il suo commento sul caso scommesse che coinvolge Tonali, Zaniolo e Fagioli sul portale online calciomercato.com.

SCOMMESSE, CORONA: “LA JUVENTUS SAPEVA DI FAGIOLI E L’HA COPERTO COSI’”

Padovan sul caso scommesse: Tonali, Zaniolo e Fagioli

“Luciano Spalletti e la Federcalcio hanno fatto bene a mandare a casa Sandro Tonali e Nicolò Zaniolo dal ritiro della Nazionale. Ben lungi dall’essere un provvedimento punitivo, resta il modo migliore per tutelare i due indagati e, soprattutto, l’Italia che gioca domani sera contro Malta. La situazione è grave (tre giovani calciatori indagati per scommesse illecite nel giro di due giorni) e, forse, qualche nome deve ancora uscire, prima di capire bene di cosa si tratti. Che ci si trovi di fronte a ludopatia o sventatezza poco importa: tutti e tre hanno scommesso illecitamente”.

“Fagioli dice di non averlo mai fatto sulle partite della Juventus. Tonali e Zaniolo non dicono nulla, anche se Fabrizio Corona, l’autore dello scoop, ha già annunciato che scommettevano sulle proprie squadre e, addirittura, a partita in corso. Tuttavia è sempre bene procedere con prudenza. Fagioli ha ammesso, Tonali e Zaniolo non si sa. La difesa di Fagioli ha consigliato l’autodenuncia alla Procura federale e punta sulla ludopatia (sarebbe un esimente, non un’attenuante), mentre l’ex milanista e l’ex romanista devono ancora nominare i loro legali”.

REPUBBLICA – SCOMMESSE, “TERREMOTO FORTISSIMO! I CALCIATORI COINVOLTI SONO UNA DECINA”

“Carriere sventrate, o fortemente compromesse”

“Una cosa, per ora, sembra chiara: nessuno avrebbe cercato di alterare le gare per trarre dalle scommesse un beneficio illecito. Consolazione magra, ma sufficiente per evitare di etichettare la faccenda come uno scandalo di partite truccate. Mai come adesso bisogna fare presto: la Procura federale, una volta ricevuti gli atti degli interrogatori, dovrà provvedere a sospendere i tre dall’attività sportiva e istruire, in poco tempo, il processo. Chi ha sbagliato pagherà, ma forse dire la verità, come ha fatto Fagioli, servirebbe a diminuire l’entità della pena. Eticamente, purtroppo, siamo di fronte a tre carriere sventrate. O fortemente compromesse”.

SCOMMESSE, COSA RISCHIA TONALI? IL CASO DELLE 232 PARTITE DI TONEY

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

padovan tonali zaniolo fagioli scommesse

Ultime news

Notizie correlate