Padovan: “Scommesse, è un buffetto! Ipotesi inquietante”

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

Dopo la squalifica di 7 mesi inflitta a Fagioli, c’è chi non è per niente d’accordo con l’entità della pena sul caos scommesse: la critica di Giancarlo Padovan

Il caso scommesse continua a far parlare di sé, soprattutto dopo la squalifica di 7 mesi inflitta a Nicolò Fagioli e l’ammissione di Sandro Tonali, che alla Procura di Torino avrebbe confessato di aver “giocato” sul Milan. In un editoriale sul portale calciomercato.com, il giornalista Giancarlo Padovan si è mostrato in totale disaccordo con la pena inflitta al centrocampista della Juventus, considerata “un buffetto” e “lontana dall’essere congrua“. L’ipotesi che i calciatori siano coinvolti in scommesse che riguardano le loro squadre (sembrerebbe il caso di Sandro Tonali, e non di Nicolò Fagioli ad esempio) è per Padovan “inquietante e in nessun modo trascurabile“.

SCOMMESSE, AUDIZIONE LUNGHISSIMA PER TONALI: TRA CHAT E “LA CARTA DOVERI”

“Pena lontana dall’essere congrua”

“Sette mesi senza giocare non sono pochi. Ma, per chi ha scommesso, non potendolo e non dovendolo fare, sono una pena lieve, quasi un buffetto (la sanzione prevede da tre anni in su). Quindi, pur riconoscendo a Nicolò Fagioli di essersi autodenunciato, di avere collaborato e di avere patteggiato, la pena inflittagli è ben lontana dall’essere congrua. Non faccio certo il giudice, eppure, nei giorni scorsi, avevo pronosticato una sanzione di almeno diciotto mesi. Perché, ludopatici o no – e la maggioranza non lo è -, questi ragazzi hanno infranto, oltre che le regole, un codice etico, venendo meno ai loro doveri nei confronti di tutti. Non credo che la Juventus faccia causa a Fagioli (non chiederà i danni, una volta condannato, nemmeno a Pogba), però il danno è rilevante e trattare questa vicenda solo come una ragazzata è, secondo me, un errore. Se, poi, passa il concetto che i reo confessi sono schiavi del gioco, allora potremmo trovarci di fronte ad una mezza amnistia camuffata”.

CORONA: “SPALLETTI, TI DEVI VERGOGNARE! BUFFON GIOCA DA ANNI, TOTTI…”

“Ora nessuno mi toglie dalla testa che la grandissima velocità con cui Fagioli ha patteggiato e, allo stesso modo, patteggerà Tonali, sia riconducibile alla volontà generale di non allargare lo scandalo e di contenere il più possibile le conseguenze di questa storia. Le inchieste della Procura della Repubblica (dovrebbero essere due) al momento, non hanno portato nemmeno al sospetto che le partite possano essere state truccate. Tuttavia – mi chiedo – c’è qualcuno che lo possa escludere con ragionevole certezza? Lo dico, soprattutto per chi, avrebbe scommesso sui risultati della propria squadra. Ipotesi inquietante, in nessun modo trascurabile”.

“SCOMMESSE SUL MILAN”: GAZZETTA SHOCK! COSA RISCHIA ORA SANDRO TONALI?

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

scommesse squalifica padovan fagioli tonali

Ultime news

Notizie correlate