“Ale Dubai e un club coinvolto”: scommesse, parlano Corona e Criscitiello

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

Il caso scommesse non è chiuso, anzi: di Florenzi e della possibilità di un club coinvolto hanno parlato Fabrizio Corona e Michele Criscitiello

Si riapre il caso scommesse: Fabrizio Corona e Michele Criscitiello lanciano due novità che riguardano Alessandro Florenzi (tra gli altri) e addirittura non più un giocatore, ma un club.

Criscitiello e le indagini sul caso scommesse

In un tweet pubblicato sul suo profilo questa mattina, il direttore dell’emittente Sportitalia Michele Criscitiello ha lanciato l’allarmante notizia di un indagine in corso. Un’indagine però diversa, che guarda non più solo ai giocatori ma addirittura a un club. Di seguito, le parole del giornalista:

Bufera calcio scommesse: non sono finite le indagini a tappeto. La Procura FIGC sta indagando su un club campano (non di A) e sta interrogando diversi calciatori per partite dello scorso anno. Coinvolti giocatori di seconda fascia, per ora“.

CANNAVARO: “SCUDETTO, NULLA È DECISO! SCOMMESSE, NON FA PIACERE CHE…”

Corona e “Ale Dubai”

Dopo qualche settimana di silenzio, nella serata di ieri è tornato a parlare del caso scommesse anche Fabrizio Corona. Sui propri canali social, dopo le accuse durante la prima sosta Nazionali della stagione che hanno portato alle squalifiche di Tonali e Fagioli, Corona ha riaperto il caso scommesse parlando anche di Alessandro Florenzi, l’unico tesserato del Milan interessato, al momento, dalla questione:

Ieri ho acquisito un audio lampante che pubblicherò tra una decina di giorni con le prove della colpevolezza di Zaniolo che gioca e di altri 4 giocatori. Sono quattro nomi diversi da quelli che ho già fatto. Tra loro c’è un certo “Ale Dubai” che è il soprannome di Florenzi. Questo caso non è finito“.

“MAI SUL CALCIO”: LA DIFESA DI FLORENZI DOPO LE ACCUSE SULLE SCOMMESSE

Nella giornata di ieri, lo stesso Florenzi è stato sentito dalla Procura Federale, come documentato da Sky Sport:

Pochi minuti davanti al procuratore federale Chiné per ribadire quanto già dichiarato due settimane fa davanti alla procura ordinaria di Torino, e cioè l’amissione di aver utilizzato piattaforme illegali per giocare d’azzardo, alla roulette nel suo caso, ma di non aver mai scommesso su partite di calcio, del suo Milan né di altre squadra. Alessandro Florenzi […] è andato a Roma per chiarire la sua posizione anche in ambito sportivo e provare a chiudere definitivamente la sua posizione legata al caso scommesse. Identica in tutto, avvocati difensori compresi, a quella di Niccolò Zaniolo, mai neanche sentito dalla procura sportiva perché a differenza di Florenzi il suo nome non compariva nelle chat di Sandro Tonali, ex compagno di squadra proprio di Florenzi al Milan che ha chiamato in causa il difensore rossonero. Che comunque, in assenza di ulteriori evidenze nei suoi confronti, al momento non dovrebbe avere conseguenze dal punto di vista sportiva: né deferimenti né squalifiche, ma solo la multa – dal tribunale di Torino – per aver scommesso su siti illegali“.

“FLORENZI E LE SCOMMESSE, PERCHÉ SOLO LORO?!” IL PROCURATORE RISPONDE AL TIFOSO

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ultime news

Notizie correlate