Sassuolo-Milan, Ballardini: “Ho un rammarico, puoi anche non fare gol”

I più letti

Piero Mantegazza
Nato in provincia di Como nel 2000, laureato in Economia dei beni culturali e dello spettacolo. Ho mosso i primi passi nel giornalismo a “La Provincia di Como” per poi passare a Radio Rossonera. Raccontare lo sport è la mia passione: calcio e tennis non devono mai mancare. Fin da bambino il focus è il Milan, che è come una seconda famiglia. Innamorato delle bandiere e delle loro ineguagliabili storie, ormai sempre più in via d’estinzione

Davide Ballardini credeva davvero di poter battere il Milan, non si dà pace per un’azione, ma è contento per l’atteggiamento del Sassuolo

Davide Ballardini ha risposto alle parole di Stefano Pioli dopo Sassuolo-Milan: l’allenatore ha un grosso rammarico, ma tanti elogi per i suoi. Ballardini è fiducioso per il futuro e per la salvezza, la critica va all’azione che poteva portare i neroverdi sul 4-1.

L’analisi di Ballardini

L’intervista di Ballardini dopo Sassuolo-Milan a DAZN:

Sul rammarico: “Chiaro che se quella situazione la concludi in un altro modo, anche senza fare gol, magari non prendi il 3-2. Giochi contro una grande squadra che ti può creare sempre delle difficoltà. Ci teniamo una buona partita. Secondo me siamo stati un po’ frenetici nella gestione della palla. Non guardo i punti persi e quelli guadagnati, ma la partita. Questo è l’atteggiamento giusto”.

Sullo spirito: “Quando giochi contro una grande squadra gli attaccanti devono fare tutto, anche in difesa aiutando i compagni nel raddoppio. Questo è lo spirito che ci si deve mettere, oltre alla qualità che va messa in campo in modo ancora più chiaro”.

Su quell’occasione fallita: “Puoi anche non fare gol, ma almeno chiudi l’azione e poi ti rimetti a posto. Quello è il rammarico. Noi potevamo essere più bravi nella gestione e nel ripartire. Giochi contro una squadra straordinariamente forte, ma l’atteggiamento è giusto. Nelle prossime partite dovremo essere ancora più bravi”.

Sulla lotta salvezza: “Da quando alleniamo pensiamo una partita alla volta. Ora pensiamo alla partita contro il Lecce che sarà altrettanto importante. Dobbiamo meritarci quello che vogliamo ottenere. Non ci sono altri pensieri e non ci sono percentuali. C’è solamente la partita di domenica, non ci sono calcoli, dobbiamo fare una grande partita con il Lecce”.

Ultime news

Notizie correlate