Sassuolo-Milan, Ballardini: “Occhio a chi gioca meno. Coppa un piccolo vantaggio”

I più letti

Andrea Rabbi
Nato sul Lago di Garda alla fine del 1998, laureato in Editoria e Giornalismo. Ho da sempre coltivato il sogno che il calcio entrasse a far parte stabilmente della mia vita professionale, e poter iniziare questo percorso scrivendo della mia squadra del cuore è sicuramente motivo di grande orgoglio. Cresciuto accompagnato dalle gesta del grande Kakà, vago da tempo alla ricerca di un degno erede in maglia rossonera

Intervenuto nella consueta conferenza stampa prepartita, l’allenatore del Sassuolo Davide Ballardini ha presentato la sfida di domani contro il Milan

Dopo la sconfitta in Europa League, il Diavolo si prepara a tornare in campo in campionato. Intervenuto nella consueta conferenza stampa prepartita, l’allenatore del Sassuolo Davide Ballardini ha presentato la sfida di domani contro il Milan.

Le parole di Ballardini

Com’è stata la settimana?
“Abbiamo già smaltito la partita di venerdì. Sul campo abbiamo fatto di più della Salernitana, meritavamo di vincere, ma se non abbiamo vinto è solo perché non siamo stati così bravi per portare a casa la vittoria, bisogna che tutti noi si sia più bravi e se abbiamo pareggiato non credo che sia per una decisione sbagliata, bisognava fare meglio durante la partita, potevamo essere ancora più bravi”.

Ora arrivata il Milan, che gioca anche in Europa. Come pensa che reagirà?
“Nel Milan, anche chi gioca meno, rimane comunque un giocatore del Milan e sappiamo che sarà una partita molto difficile, molto complicata. Per me se il Sassuolo fa una buona partita se la gioca anche contro il Milan”.

Questa può essere la partita della svolta?
“Certamente è una partita importante ma non parlerei di svolta. Noi abbiamo una situazione che bisogna che siamo molto più bravi rispetto a quanto fatto sin qui. Mi fermerei qui”.

Che Milan si aspetta?
“Io penso che quando incontri una squadra come il Milan o le altre big che hanno tre partite in una settimana è comunque un piccolo vantaggio. Il Milan ha 26-27 giocatori ma sono tutti da Milan, quindi anche chi ha giocato meno, sono giocatori sui quali il Milan ha investito e certamente saranno bravi. Sarà una partita difficile domani, incontreremo un Milan che ha giocato giovedì e tornerà a giocare giovedì, farà la sua partita ma noi faremo la nostra”.

Ultime news

Notizie correlate