Sacchi: “Prima il Milan, poi il Napoli: questo scudetto vuol dire solo una cosa”

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

Intervistato dalla Gazzetta dello Sport in edicola questa mattina, l’ex allenatore del Milan Arrigo Sacchi ha parlato dello scudetto del Napoli: da Maradona a Spalletti, passando per il gioco e… il futuro.

Sacchi sullo scudetto del Napoli

«Prima il Napoli ha vinto aggrappandosi a un singolo, a un individuo che era anche il più forte del mondo: Maradona, di quella squadra, era il faro. Se non c’era lui, non c’era luce. Adesso, invece, si è affidato al gioco, al gruppo, alla somma dei fattori. Per me si tratta di un notevole salto di qualità, di un’evoluzione. Chi l’avrebbe detto? Pochissimi, quasi nessuno. Il Napoli aveva ceduto pezzi importanti: Mertens, Koulibaly, Insigne. La maggior parte della critica e forse anche dei tifosi pensava che sarebbe stato un anno di transizione. Invece hanno compiuto un’impresa andata al di là delle previsioni. I dirigenti sono stati bravissimi: hanno preso giocatori poco più che sconosciuti, li hanno fatti crescere e li hanno inseriti in un contesto che Spalletti, nel frattempo, aveva saputo preparare con maestria. Così tutti i tasselli erano al loro posto. Inoltre, particolare che mi piace sottolineare, hanno speso molto meno di alcune rivali come l’Inter, la Juventus o la Roma. Non è un dettaglio, ma una virtù che va evidenziata».

ULTIME NOTIZIE MILAN – LAZIO, LA PROBABILE FORMAZIONE CONTRO IL MILAN: SCELTE OBBLIGATE PER SARRI A CENTROCAMPO

Su Spalletti

«Sì. È stato un maestro. Ha scelto un gioco, ha dato uno stile e ha saputo convincere i ragazzi a seguirlo. Per un allenatore è il massimo che si possa ottenere. Un pregio? Aver sempre creduto nelle proprie idee e non aver mai cercato un compromesso tra la strategia e la tattica. Il Napoli, salvo rarissime eccezioni, ha giocato bene, ha dato spettacolo, e ha vinto. E così ha dimostrato una lezione che vado ripetendo, inascoltato, da un po’ di tempo: se fai il tuo gioco senza aspettare l’avversario, e se lo fai bene, hai più possibilità di ottenere il successo».

Sacchi sul gioco del Napoli

«Sì, perché il bel gioco non è soltanto una concessione all’estetica, ma lo strumento per arrivare a raggiungere il risultato. Spalletti e i suoi ragazzi sono andati in giro per l’Italia a stupire e a divertire il pubblico. Segnavano e continuavano ad attaccare, mica si chiudevano a difendere il risultato come fanno molte squadre ancora oggi. Il loro gioco ha prodotto felicità: nella gente che lo ha ammirato, e negli stessi giocatori che ne sono stati interpreti, perché quando giochi bene ti diverti e non vorresti smettere più. Gioco europeo? Sì. Ha un gioco all’avanguardia che è frutto delle conoscenze dell’allenatore e dei giocatori. Quando hai un bagaglio di idee in testa, non ti senti mai solo in campo perché sai sempre come uscire da una situazione complicata. Spalletti ha gestito con molta intelligenza tutto il gruppo. Il club è stato determinante, non esiste una grande squadra senza un
grande club che indica la strada verso il successo».

ULTIME NOTIZIE MILAN – LE PRIME PAGINE DI OGGI CELEBRANO LA VITTORIA DEL NAPOLI (05/05/2023)

Le tre chiavi del successo del Napoli secondo Arrigo Sacchi

«Tre cose che, unite, quasi sempre contribuiscono a ottenere grandi risultati: il gioco, appunto; lo spirito di squadra; le motivazioni che l’allenatore è riuscito a trasmettere ai suoi ragazzi. In più, il pressing costante in zona avanzata: il Napoli aggrediva gli avversari nella loro metà campo e non li faceva respirare. Questo è un segno di forza e di coraggio. E, cosa tutt’altro che secondaria, lo ha fatto in A e in Champions».

Prima il Milan, poi il Napoli: Sacchi sul cambiamento del calcio italiano

«Che in Italia qualcosa si sta muovendo. Adesso pensiamo a fare il nostro gioco, pensiamo ad attaccare, interpretiamo il calcio come i padri fondatori lo avevano pensato e cioè come uno sport offensivo e collettivo. Con questa mentalità è logico che ci siano delle sorprese in positivo. Ora, però, massima attenzione al pericolo più grande: l’appagamento. Guai se i giocatori di Spalletti si sentissero già arrivati: questo non è che un passo a cui ne devono seguire molti altri se si vuole costruire qualcosa di straordinario».

Segui la nostra pagina Facebook per non perderti nulla di quello che succede nel mondo Milan!

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

sacchi Milan

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime news

Notizie correlate