Sacchi: “Ecco perchè non volevo giocatori come Leao!”

I più letti

Andrea Rabbi
Nato sul Lago di Garda alla fine del 1998, laureato in Editoria e Giornalismo. Ho da sempre coltivato il sogno che il calcio entrasse a far parte stabilmente della mia vita professionale, e poter iniziare questo percorso scrivendo della mia squadra del cuore è sicuramente motivo di grande orgoglio. Cresciuto accompagnato dalle gesta del grande Kakà, vago da tempo alla ricerca di un degno erede in maglia rossonera

Intervistato durante la Milano Football Week, Arrigo Sacchi ha commentato la vigilia dell’Euroderby di ritorno e “punzecchiato” la stella del Milan Rafa Leao.

ULTIME NOTIZIE MILAN – IL MILAN RISCHIA GROSSO: QUANTI INTROITI MANCATI SENZA CHAMPIONS? – 

La vigilia di una partita importante come l’Euroderby, da allenatori e giocatori, come viene vissuta?

“Dipende. Oggi credo che Inzaghi sarà più tranquillo rispetto a Pioli. Io ero teso sempre, però avevo una grande fiducia nelle persone. Penso che gli allenatori debbano guardare di più le persone, perchè sarà sempre di più un collettivo d’intelligenza. Io condividevo delle idee, e loro me le ridavano indietro migliorate, quindi crescevano loro e crescevo anche io. Se invece non hai persone che pensano perdi tempo, come con i presuntuosi”.

Sacchi, una considerazione su Leao…

“E’ un giocatore che ha delle qualità ma un temperamento che non sempre gli consente di esprimerle al meglio. Io personalmente non volevo giocatori così: preferivo giocatori che giocassero con la squadra, per la squadra, a tutto campo. E tutti dovevano farlo, perchè se uno sta fermo non sei già più una squadra. Puoi cercare di convincerlo? la mentalità gliela puoi dare, il temperamento è più difficile”.

Segui la nostra pagina Facebook per non perderti nulla di quello che succede nel mondo Milan!

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Sacchi

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime news

Notizie correlate