Rooney: “Che fatica gestire la pressione, preferivo chiudermi a bere…”

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

L’ex campione del Manchester United Wayne Rooney, in un’intervista al Daily Mail, ha raccontato i momenti più turbolenti della sua carriera.

Rooney sul passato e sull’infanzia difficile
“Sono nato e cresciuto senza agi in una zona popolare di Croxteth. Mia madre e mio padre non hanno mai avuto molti soldi. Ho sempre vissuto litigi e discussioni, visto mia madre che distruggeva oggetti. Sono stato catapultato, a 16 anni, in una dimensione internazionale. Non ero preparato. Non mi sentivo a mio agio. Essere un calciatore professionista ha anche un altro lato della medaglia che non conoscevo. Mi ci è servito parecchio tempo per gestire ansia e pressione. Nei miei primi anni al Manchester United, probabilmente fino a quando non abbiamo avuto il mio primo figlio, Kai, mi sono davvero chiuso”.

LEGGI QUI ANCHE   -JUVENTUS, MOGGI APPLAUDITO IN ASSEMBLEA DOPO L’ATTACCO SU CALCIOPOLI: C’E’ DI MEZZO ANCHE IL MILAN-

“Ho accumulato tanta rabbia. La pressione di giocare per lo United, per l’Inghilterra, per sopportare la costante invasione nella mia vita privata. Per cercare di affrontare tutto, a volte ho pensato che la soluzione ideale sarebbe stata rinchiudermi a bere per due giorni. Non ho mai condiviso i miei sentimenti e i miei problemi con i ragazzi nello spogliatoio e neanche con Sir Alex. Anche perché non essere a posto nella mia testa mi ha dato quell’ulteriore imprevedibilità nel gioco”.

LEGGI QUI ANCHE   -LELE ADANI RIVELA: “ECCO PERCHE’ NON HO COMMENTATO LA FINALE MONDIALE…”-

Rooney si apre: “problemi di autocontrollo”
“Ho commesso molti errori quando ero giovane, alcuni sono finiti sulla stampa e altri no. Spesso erano litigi o atti legati a gestione emotiva. Ero sempre arrabbiato. A tal punto che in una sfida con il Chelsea che valeva di fatto la Premier sono arrivato a sostituire i tacchetti e usarne di più lunghi per far male a qualcuno. Avevo alcuni problemi di autocontrollo, ma ora li ho risolti. Ho imparato che sentivo arrivare quei tipi di momenti, come se si avvicinasse un’esplosione. Anche mia moglie ha imparato a percepirli. Quando mando tutti al diavolo ed esco, commetto errori stupidi”.

Segui la nostra pagina Facebook per non perderti nulla di quello che succede nel mondo Milan!

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Wayne Rooney

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime news

Notizie correlate