il 12/10/2023 alle 23:37

“Tutti vogliono il Milan! Ancelotti tra i più forti”: Ronaldinho in scena

0 cuori rossoneri

L’intervista a Ronaldinho al Festival dello Sport sulla sua carriera, i ricordi dell’esperienza al Milan e una preferenza tra rossoneri e PSG

Ronaldinho è stato ospite questa sera del Festival dello Sport di Trento, dove ha ripercorso tutta la sua carriera compresa l’esperienza al Milan. Il fuoriclasse brasiliano è intervenuto nell’incontro “Ronaldinho Joga Bonito” dell’evento organizzato da La Gazzetta dello Sport in collaborazione con Trentino marketing. Nel corso della chiacchierata con il giornalista Filippo Maria Ricci della rosea, l’ex rossonero ha parlato delle sue esperienze al Paris-Saint Germain, al Barcellona, il passaggio al Milan e i suoi anni nella nazionale brasiliana. Quella per il Pallone d’Oro 2005 è stata una vera ovazione a Trento, infatti il talk all’Auditorium Santa Chiara si è chiuso anticipatamente per l’entusiasmo diventato incontenibile nei confronti di Dinho.

Ronaldinho Milan

RONALDINHO, INTERVISTA INTERROTTA: PRESO D’ASSALTO… DAI BAMBINI

Il motivo dietro al passaggio al Milan

Ronaldinho ha iniziato il suo intervento all’evento targato Gazzetta dello Sport del Festival dello Sport di Trento parlando delle esperienza di carriera in Francia al Paris Saint-Germain, al Barcellona in Spagna con cui ha vinto la Champions e il Pallone D’Oro prima di trattare il tema degli anni nella Seleção insieme a un’infinità di campioni. Successivamente, Ronaldinho è stato portato dal moderatore Filippo Maria Ricci, inviato de La Gazzetta in Spagna, al passaggio dai blaugrana al Milan. Queste le sue parole sulla motivazione del cambio di maglia: “Una delle squadre più importanti al mondo e tutti i giocatori un giorno vogliono giocare al Milan”.

MILAN, LEAO DIVIDE! CASSANO: “SOLO CORSA”, ADANI: “NON C’È SOLO RONALDINHO”

Ronaldinho, i ricordi dell’esperienza al Milan

Ronaldinho ha ricordato di fronte alla calorosa platea dell’Auditorium Santa Chiara i suoi momenti in maglia numero 80 del Milan. Momenti indelebili per il fuoriclasse brasiliano: “Mi ricordo tutto, soprattutto il gol nel derby con tutte le persone che sempre parlano di questo gol”. L’ex campione è stato portato poi dal giornalista su temi di attualità del diavolo facendo presente il ritorno nelle ultime stagioni ai fasti del passato (dei tempi in cui Ronaldinho era al Milan) del Club: “Milan sempre tutta la gente si aspetta un calcio bello e adesso il Milan è tornato a fare un calcio bello e sono felice così”. Il ricordo dei suoi ex compagni di squadra in rossonero tra l’estate 2008 e il dicembre 2010 e del suo allenatore speciale, Carlo Ancelotti: “Mi ricordo tutto di quell’esperienza al Milan con tanti grandi calciatori insieme e ricordo tutto, ogni giorno gli allenamenti. C’erano tanti: Gattuso, Ibrahimovic, Maldini, Nesta ed è stato meraviglioso con tutti questi grandi calciatori insieme. Ancelotti grandissimo allenatore ed è stato un piacere lavorare con lui: uno dei più forti della storia”.

“ALCARAZ MI RICORDA RONALDINHO”: IL PARAGONE DELL’EX TENNISTA

PSG vs Milan, Dinho non si sbilancia

Rimanendo sull’attualità, Ronaldinho è stato incalzato davanti a un’infiammata platea del Festival dello Sport sulla prossima doppia sfida dei gironi di Champions League tra Paris Saint Germain e Milan che metterà di fronte due sue ex squadre a cui è molto legato. Il gaucho non si è sbilanciato: “Milan e Paris Saint Germain sono nel mio cuore come tutte le squadre in cui ho giocato ed è difficile dire quale sia la migliore”. Tornando sul Milan dei suoi tempi, l’ex numero 80 non si è voluto defilare per la sua parte di meriti nello Scudetto 2010-2011 dove l’impiego da parte di Massimiliano Allegri non era stato molto ampio prima della cessione a metà stagione. Così si è espresso a riguardo Ronaldinho: “Certo, lo Scudetto 2011 lo sento un pò mio”.

MILAN, FREY SU MAIGNAN: “ROSSO SEVERO”. POI CITA IL PRECEDENTE

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ronaldinho Milan

NOTIZIE MILAN