Roma-Milan, Pioli: “Sappiamo cosa fare. Ultima spiaggia? Sì”

I più letti

Giacomo Mirandola
Residente in un paesino in provincia di Novara, nasce a Gallarate il 21 dicembre 1998, poche ore dopo Kylian Mbappé, con cui condivide la passione ma non il talento. Diplomato al liceo scientifico e laureato in Scienze della Comunicazione, la sua vita, alla costante ricerca di emozioni, lo ha portato a conoscere e ad appassionarsi a quasi tutti gli sport praticati sul pianeta. Giornalista, speaker e audiodescrittore all'occorrenza, fa questo lavoro per esigenza, non per scelta. Un solo obiettivo: trasmettere agli altri anche solo un parte delle emozioni che lo sport gli sa regalare ogni giorno.

Alla viglia della fondamentale sfida di ritorno di Europa League tra Roma e Milan, Stefano Pioli ha presentato la gara in conferenza stampa

Manca sempre meno alla sfida forse più importante della stagione rossonera. Domani, alle ore 21:00, Roma e Milan scenderanno in campo allo stadio Olimpico per la sfida di ritorno del quarti di finale di Europa League. I rossoneri sono chiamati alla rimonta, dopo il deludente ko rimediato la scorsa settimana tra le mura amiche di San Siro. A poco più di 24 ore dal calcio d’inizio della partita, Stefano Pioli ha presentato la gara tra Roma e Milan.

La conferenza di Pioli

Sulla partita: “Servirà una partita di alto livello, con una cura dei dettagli superiore a quella di giovedì scorso. Ovviamente ho fiducia nella squadra. Cosa voglio vedere domani? I giocatori lo sanno: abbiamo fatto video, riunioni, sappiamo cosa fare. Ultima spiaggia? Sì, perché l’occasione è solo domani per superare il turno. Noi, però, la Champions League la giocheremo l’anno prossimo e domani daremo il massimo. Migliorare la fase difensiva? Il tema è proprio lì: se difendiamo bene possiamo vincere la partita”.

Sulla Champions League, con PSG e Borussia Dortmund qualificati per la semifinale: “Noi siamo gli stessi che sono andati in semifinale di Champions. Non è questione di ingenerositò. Si è alzato il livello e noi abbiamo alzato il nostro livello. Una delle nostre avversarie nel girone arriverà in finale, ma saperlo ci serve a poco”.

Sui vari articoli che elogiavano le contromosse di De Rossi: “Se mi ha dato fastidio? A me dà fastidio perdere la partita. Quasi sempre i giudizi sono condizionati dal risultato finale. Però quella è stata un’altra partita. L’abbiamo rivista, sappiamo cosa dobbiamo fare, anche se domani ci capiteranno altre situazioni. Ma sono sicuro che i ragazzi saranno bravi a prevenirle”.

Sull’aspetto emotivo della sfida: “La partita è di una tale importanza che i ragazzi sanno come interpretarla. La gara di andata non ci ha tolto niente. A queste partite non conta come si arriva: bisogna giocarle e vincerle”.

 

Ultime news

Notizie correlate