Boscaglia Tonali

All’interno dello speciale di Radio Rossonera dedicato a Sandro Tonali (lo trovate QUI) ha parlato Roberto Boscaglia, l’allenatore che ha fatto esordire Sandro con la maglia del Brescia nel 2017.

Sull’esordio
“Me lo ritrovai 17enne a Brescia, quando lo portammo in ritiro inizialmente anche per fare numero. Dopo una settimana di lavoro chiamai il direttore e gli dissi: “Questo ragazzino rimane con noi”. Si vedeva che era pronto, io lo definivo un 50enne nel corpo di un 17enne. Lo feci esordire ad Avellino gli ultimi 25 minuti di partita e fece benissimo. Poi però Cellino, che aveva appena acquistato il Brescia da Bonometti, decise di nasconderlo perché Sandro non aveva ancora firmato un contratto da professionista. Quando dopo l’esonero ritornai sulla panchina del Brescia a gennaio lo riportai subito in prima squadra, facendogli collezionare tante presenze e anche un paio di gol”.

Sul giocatore e sull’uomo
“Sandro è un ragazzo che è sempre rimasto con i piedi per terra, un giocatore forte e si vedeva già da quando aveva 17 anni. È un giocatore moderno, sa attaccare, sa difendere, sa buttarsi negli spazi, sa calciare da fuori. È bravo sia nel gioco corto che in quello lungo e non si tira mai indietro quando c’è da lottare. Ma ripeto è soprattutto uno che è rimasto con i piedi per terra: quello che ha fatto quest’estate per rimanere al Milan la dice lunga su chi è Sandro Tonali. Ora è diventato già un giocatore importante per il Milan, e sono sicuro che lo sarà ancora di più in futuro, anche per la nazionale di Roberto Mancini”.

Sul loro rapporto
“Quell’anno parlai molto con lui, e ho lavorato soprattutto per ricordargli di non avere fretta perché ero sicuro che il successo per lui sarebbe arrivato. Doveva solo pensare a divertirsi ed è quello che ha fatto: praticamente viveva in Club House, stava sempre con i suoi compagni e non aveva veramente nulla fuori posto. Si merita veramente tutto quello che sta avendo ora”.

Guarda QUI lo speciale di RadioRossonera dedicato a Sandro Tonali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.