Rinnovi Calhanoglu – Donnarumma: questione di equilibrio

DONNARUMMA


RINNOVI – Un gioco di equilibri, di silenzi pubblici. E di surplace.
La questione dei  rinnovi di contratto di Hakan Calhanoglu e Gigio Donnarumma prosegue a fari spenti. Ma prosegue.

Il Milan è arrivato un po’ lungo sulla vicenda, qualche errore di valutazione sulle tempistiche è imputabile ma è tutto ancora lì, senza drammi e senza situazioni irrisolvibili.
Siamo al 12 febbraio, potenzialmente entrambi potrebbero firmare per un’altra squadra in qualsiasi momento della giornata senza che il Milan possa opporsi, eppure ancora è tutto lì.
Quindi calma.
Per capire appieno cosa sta accadendo bisogna riavvolgere un poco il nastro e separare le due trattative.

Partiamo da Hakan.
Calha ha un contratto in scadenza nel giugno 2021, un cambio di procuratore relativamente fresco (primavera 2020) e un cambio nel livello delle prestazioni altrettanto recente rispetto alla media dei primi anni di Milan.
Hakan nel mentre si è espresso chiaramente sulla sua volontà di restare al Milan sia nel luglio 2020 in una intervista a Sky sia in un’altra dichiarazione a MilanTV di fine settembre dove raccontava anche l’amore per Milano e San Siro.
Nulla è cambiato da quel momento nelle volontà di Hakan. Il suo procuratore, Gordon Stipic ha fatto quello che gli “impone” il suo lavoro, con un contratto a scadenza ha fatto il giro delle sette chiese per vedere se c’era margine per strappare un contratto in Europa a cifre inarrivabili e in parte anche anacronistiche visto il periodo mondiale. Risultato di questo tour sono stati invece i due incontri di questo inverno dove le parti, Stipic-Milan, si sono confrontati e avvicinati.

Passiamo a Gigio.
Donnarumma vuol restare al Milan. Punto.

Ha chiesto e ottenuto dal suo procuratore che la vicenda venga gestita in maniera totalmente diversa dall’estate 2017 (con grande apprezzamento anche da parte del Milan)
Ieri Raiola ha confermato indirettamente proprio ciò: “Gigio deve esser lasciato in pace perché sta cercando di fare una cosa importantissima per il Milan e per la sua carriera. E questa è l’unica cosa importante. Il resto si fa da dietro, senza di voi (i giornalisti ndr), senza che nessuno sappia niente, in assoluta calma e così sarà per sempre”.
La trattativa prosegue a fiammate da ormai qualche mese e più che la cifra annuale (siamo sui 7.5M) e la durata ciò che balla di più sono le cifre accessorie e la questione clausola che però sembra esser ora in secondo piano. Nulla di irrisolvibile se la volontà di entrambe le parti è il rinnovo. E la volontà di entrambe le parti è assolutamente il rinnovo.

Perché conviene?
Al Milan conviene rinnovare per diversi motivi: non può permettersi di perdere due asset economici ancor prima che due calciatori come Gigio e Hakan che mal contati sono minimo 100M.Oltre a questa perdita si dovrebbe aggiungere la cifra necessaria a prendere sul mercato due sostituti all’altezza. Raiola lo sa e spinge per avere le migliori condizioni economiche per tutti (lui compreso…), dall’altro lato non può andare allo scontro per la precisa volontà del suo assistito di rinnovare e di farlo a fari spenti.

E allora perché non si firma?
Ritorniamo all’equilibrio con cui si è aperto il pezzo.
Il Milan dopo un decennio sta vivendo finalmente una stagione da capolista con il concreto obiettivo di andare in Champions e un mezzo sogno nel cassetto per altro… non può permettersi che due dei suoi titolari, anzi, due dei suoi cinque giocatori imprescindibili vengano distratti. Il Milan non è né sesto né settimo, non può perdere punti per strada perché uno dei suoi giocatori rende al di sotto per problemi di contratto. Dovremmo avere ancora in testa i dollari lanciati a Gigio, i conseguenti errori nell’Europeo U21 e la stagione successiva con alti e bassi oppure le partite senza infamia e senza lode dell’Hakan non a fuoco dei primi anni mentre ora da fulcro del gioco e del progetto Pioli lo schiera appena ne ha possibilità.

E allora chiudiamo con qualche punto fisso.
Entrambi i giocatori vogliono rinnovare. Entrambe le parti cercano di strappare le migliori condizioni economiche come in una normale contrattazione economica. I due giocatori, pur potendo, non si sono accordati con nessun altra squadra. Il Milan non vuole che questa stagione venga in alcun modo sfregiata da problemi esterni al campo e quindi non forza la mano ma procede con calma.
E allora si procede in surplace e a fari spenti.
Con il lieto fine sullo sfondo.

photocredits acmilan.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Tutti convocati

Radio rossonera live

torna al live

La radio 24/7 dedicata al Milan