Quando la chioma di Dinho scosse San Siro – Verso Milan-Inter

0 cuori rossoneri

Ci siamo! Tra un closing arrivato anzitempo e la fine di un mercato che ha portato a Milanello 3 nuovi acquisti in pochissime ore (Malick Thiaw, Aster Vranckx e Sergino Dest), è arrivato già il momento della prima stracittadina dell’anno: domani sera alle ore 18.00 andrà in scena il remake della sfida che l’anno scorso ha deciso lo Scudetto. Per l’occasione, i tifosi del Milan hanno come sempre negli ultimi due anni risposto presente: San Siro sarà sold out con oltre 75.000 persone sugli spalti, 10.000 dei quali provenienti dall’estero. I cugini milanesi si sfideranno per la 177esima volta in Serie A: il bilancio dice 67 vittorie dell’Inter, 56 pareggi e 53 sconfitte. L’ultima sfida italiana è stata vinta dal Milan (sì, è quella nella quale si è girato Giroud), ma i rossoneri non vincono un derby “casalingo” dal 2016 quando Alex, Bacca e Niang firmarono un perentorio 3-0 per la squadra allenata allora da Sinisa Mihajlovic.

A proposito di derby “casalinghi”, uno di quelli rimasti nel cuore dei tifosi è sicuramente quello andato in scena, proprio come questo, alla quinta giornata della stagione 2008/2009 di Serie A. E proprio come in questa stagione, il campionato è iniziato in maniera anomala: dopo 4 partite la Lazio comanda in solitaria la classifica davanti a Napoli, Inter e Catania. Il Milan di Carlo Ancelotti è fermo a 6 punti dopo due sconfitte nelle prime due giornate, in casa contro il Bologna e in trasferta contro il Genoa di Gian Piero Gasperini (che a fine anno si qualificherà per l’Europa League). A causa del forfait di Borriello e di uno Shevchenko tornato dal Chelsea non nella migliore delle condizioni, l’allenatore emiliano schiera il Ka-Pa-Ro: al posto di Ronaldo, però, in questa stagione insieme a Pato e Kakà c’è Ronaldinho, arrivato in estate dal Barcellona. Insieme a loro Abbiati, Zambrotta, Maldini, Kaladze, Jankukovksi, Gattuso, Seedorf e Ambrosini nel più classico degli alberi di natale di marca ancelottiana. Mourinho, che a fine stagione sarà Campione d’Italia, risponde con Julio Cesar in porta, Maicon, Burdisso, Materazzi, Chivu in difesa; Zanetti, Cambiasso e Vieira a centrocampo; Mancini, Ibrahimovic, Quaresma davanti.

LEGGI QUI ANCHE   -SERGINO DEST, LA FRECCIA A STELLE E STRISCE: TERZINO O ESTERNO ALTO? STORIA E ANALISI TATTICA DEL NUOVO ACQUISTO ROSSONERO-

Dopo un inizio di partita statico dove le squadre giocano a passaggi e passaggetti, il Milan aumenta la qualità del suo possesso palla e prova a mettere sotto i rivali di sempre che però provano a rendersi pericolosi in ripartenza. Per sbloccare una partita a tratti soporifera serve qualcosa in più, serve la giocata del campione. Minuto 36, nel cerchio di centrocampo una coda inizia a fare su e giù. Dopo un tiro di Ibrahimovic respinto da Abbiati, il numero 80 recupera palla, alza la testa e con un lancio di 30 metri trova l’inserimento di Kakà alle spalle di Chivu. Il pallone d’oro lascia scorrere la palla, controlla, si allarga, alza la testa e scodella una palla verdeoro che dall’inquadratura televisiva sembra essere facile preda della difesa nerazzurra. La telecamera però si sposta e sopra il dischetto del rigore compare a un metro da terra la coda di Ronaldinho, che dopo 60 metri di corsa colpisce di testa chiudendo il triangolo e mettendo la palla alle spalle di Julio Cesar. La fascia sparisce, la coda diventa una chioma che scuote San Siro: è 1-0 per il Milan, è il primo, storico, gol di Ronaldinho in maglia rossonera. Ed è un gol bellissimo.

Nel secondo tempo l’Inter prova a fare qualcosa: Mourinho fa il Mourinho ed inserisce Adriano e Cruz al posto di Materazzi e Mancini, schierandosi di fatto con 4 attaccanti. Il Milan però regge all’urto: Seedorf, Gattuso, Ambrosini e il nuovo entrato Flamini riescono a filtrare quasi tutte le offensive nerazzurre. Nel finale il match si accende. Burdisso si fa espellere (doppia ammonizione) e dalla panchina lo segue Marco Materazzi, allontanato dal direttore di gara per proteste dopo una manata ricevuta in area di rigore da Adriano. I momenti sono concitati e portano addirittura ad una accesa lite tra Mourinho e Cambiasso. Un minuto dopo, il nuovo entrato Stankovic viene graziato dall’arbitro dopo un’entrataccia da dietro su Kakà. Al minuto 93 Adriano di testa mette fuori da due passi e al minuto 95 Ibrahimovic manda alta la palla del pareggio: per fortuna del Milan, pochi secondi l’arbitro Morganti fischia tre volte. Il derby è rossonero.

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

photocredits: acmilan.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live