ESCLUSIVA – Repice: “La corsa scudetto non è mai stata chiusa, occhio alla Juve”

DiJacopo Cesaretti

Feb 8, 2022

Francesco Repice, radiocronista per Radio Rai, è stato ospite al Talk di Radio Rossonera e ci ha detto la sua sul derby e sulla corsa scudetto.

Sul derby

“I derby si giocano ancora più con la testa che con le tattiche. Il derby quando ce l’hai in mano come ha fatto l’Inter per quasi 70 minuti poi lo devi chiudere. Essendoci giocatori di grande esperienza nella file rossonere, questi hanno sempre la possibilità di farti male. Il Milan ha avuto secondo me la forza di rimanere aggrappato alla partita anche quando, credo, il pubblico  milanista ci sperasse poco perché l’Inter sembrava straripante, specie sulle corsie esterne. Quando ha avuto la possibilità il Milan ha colpito e poi ha viaggiato sull’inerzia psicologica del gol di Giroud. Credo che lì poi abbia vinto il derby.”

Sui due gol di Giroud

“Il secondo è un gran gol, quello è un movimento che lui sa a memoria, gli viene praticamente naturale. Per un mancino spalle alla porta che fa il centravanti, quel movimento lì, con la palla che ti viene incontro e sentendo il difensore dietro le spalle e in quella posizione da destra, quindi con la possibilità di tirare con il piattone sinistro è un po’ una cosa quasi automatica. Da De Vrij mi aspetto però che non vada a cercare un anticipo impossibile, con un giocatore come Giroud che copre bene la palla , ma che spesso semplicemente si mette davanti per coprire la visuale della porta. Quello voleva fare l’attaccante e quello gli ha lasciato fare De Vrij. Il francese ha eseguito tutto benissimo, il movimento è perfetto. È tutto quello che fa un centravanti mancino in quelle occasioni, già lo aveva fatto in Arsenal-Liverpool.”

– Leggi QUI le ultime sentenze del Giudice Sportivo –

Sulla corsa scudetto

“Secondo me non è mai stata chiusa. Prima di metà marzo, se le distanze son queste ti dico che la Juve è fuori, se non lo sono più, con la Juve fianco a fianco, arrivare ad aprile/maggio e giocarsi il campionato è dura. Da come li ho visti mi sembrano molto carichi e conoscendoli possono tirare fuori il meglio da queste situazioni.”

Sul quarto di finale di Coppa Italia

“Io immagino innanzitutto una partita in cui il Milan non dovrà concedere la profondità. Io credo che alla Lazio la cosa più sbagliata che si può fare è concedere la profondità, la possibilità di correre dietro la linea difensiva con la palla lunga. Questo è un errore che credo che il Milan e Stefano Pioli non commetteranno. Per il resto la partita mi sembra equilibrata, da dentro o fuori come quella di stasera. Io non faccio mai pronostici, sarà complicata per entrambe, sarà da leggere a sé, non rientra nella dinamica del campionato. C’è un sentire diverso da parte dei calciatori, per cui mi aspetto una partita spettacolare.”

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera

Radio rossonera live

torna al live

La radio 24/7 dedicata al Milan