Milan, Reijnders dice addio allo scudetto: “Ci sono però due aspetti positivi”

I più letti

Piero Mantegazza
Nato il 21-11-2000. Laureando in Economia e gestione dei beni culturali e dello spettacolo all'Università Cattolica del sacro cuore di Milano. Redattore di Radio Rossonera, innamorato del Milan e dello sport in generale.

Tijjani Reijnders inizia a fare un bilancio della stagione del Milan: scudetto irraggiungibile, ma trova comunque due motivi per sorridere

Non è tutto da buttare secondo Tijjani Reijnders, il Milan ha ancora due obiettivi per cui lottare: per lo scudetto invece è ormai troppo tardi. Il centrocampista rossonero è in ritiro con l’Olanda ed è uno dei 13 giocatori che il Milan ha mandato in giro per il mondo in questa sosta. Amareggiato per la mancata lotta con l’Inter, è pronto a rigettarsi con forza sull’Europa League. Tra i suoi compagni ha parlato dell’amicizia con Giroud: i due hanno un bel legame.

Niente scudetto, testa agli altri obiettivi

Tijjani Reijnders è stato intervistato da rtlnieuws.nl. direttamente dal ritiro della nazionale olandese.

L‘unione del gruppo e l’unicità di Giroud: “Con lui mi trovo molto bene. Scherziamo tra di noi abbastanza spesso. Non parlo ancora italiano, ma mi trovo bene con tutti. Sono stato accettato bene dal gruppo“.

Il centrocampista rossonero parla anche della stagione del Milan: Non credo che la vittoria del campionato sia possibile, ma siamo comunque secondi e siamo ancora in corsa in Europa League“.

Ultime news

Notizie correlate