Reijnders, l’ex allenatore: “Milan, ecco perché ti servirebbe: fosse per lui…”

I più letti

Piero Mantegazza
Nato in provincia di Como nel 2000, laureato in Economia dei beni culturali e dello spettacolo. Ho mosso i primi passi nel giornalismo a “La Provincia di Como” per poi passare a Radio Rossonera. Raccontare lo sport è la mia passione: calcio e tennis non devono mai mancare. Fin da bambino il focus è il Milan, che è come una seconda famiglia. Innamorato delle bandiere e delle loro ineguagliabili storie, ormai sempre più in via d’estinzione

L’ex allenatore di Reijnders ci spiega di che giocatore stiamo parlando: poi avverte il Milan…

Uno dei nomi più caldi per il centrocampo del Milan è quello di Tijjani Reijnders, Pioli lo vorrebbe per fare un ulteriore salto di qualità. Intanto Koen Stam, l’allenatore che lo ha avuto nell’U23, ne esalta le caratteristiche e suggerisce ai rossoneri come sfruttarlo al meglio. Dalle sue parole emergono anche alcuni aspetti caratteriali del giocatore, che potrebbero fare la differenza per la riuscita dell’operazione.

Reijnders, l’identikit dell’ex allenatore: ecco come sfruttarlo al meglio

Reijnders è un giocatore ancora sconosciuto per la maggior parte delle persone. Per comprendere meglio la potenzialità dell’acquisto del centrocampista dell’AZ Alkmaar ci affidiamo al suo ex allenatore nell’U23, Koen Stam, che alla Gazzetta ha fatto un identikit del ragazzo:

Ho lavorato con lui quando ero allenatore dell’U23. Era molto giovane e venne inserito presto in prima squadra, ma ha giocato con noi con regolarità. È un ragazzo fantastico, un vero amante del calcio. Sempre contento e sorridente, energico, disposto all’apprendimento. Fosse per lui, giocherebbe tutto il giorno. Per lui la famiglia è fondamentale. Si è poi sposato da poco, ha la testa sulle spalle. Una delle sue doti naturali è la comprensione del gioco, ha capacità tecniche e di movimento notevoli. È bravo nella costruzione e nella finalizzazione, crea spesso le condizioni per proiettarsi in avanti e sa segnare senza problemi dalla distanza. È dinamico ma può fare il centrocampista di controllo, giocando all’occorrenza da numero 6 o da numero 8. Prendendolo, il Milan non sbaglierebbe. La squadra di Pioli crescerà ancora e Tijjani può farne parte, anche perché è giovane e con margini di crescita. Avrà bisogno di tempo per conoscere i compagni, l’allenatore e la cultura italiana, questo è ovvio, ma apprende in maniera rapida e si adatta senza fatica”. 

Reijnders-Milan: a che punto è la trattativa?

Come detto la dirigenza rossonera ha segnato con il circolino rosso il nome di Reijnders. Pioli vorrebbe affidargli le chiavi del centrocampo e schierarlo come mediano in un possibile centrocampo a 3. L’AZ Alkmaar ha rifiutato la prima offerta dei rossoneri di 16 milioni di euro, ma secondo quanto riportato dalla Gazzetta di oggi, il club di Via Aldo Rossi avrebbe aumentato la prima offerta, arrivando a mettere sul piatto 20 milioni + 5 di bonus. Furlani e Moncada attendono una risposta fiduciosi che questa offerta sia sufficiente, d’altronde la squadra olandese partiva da una richiesta di 25 milioni. Un altro indizio positivo è arrivato oggi, il classe 1998 non ha preso parte all’amichevole odierna contro lo standard Liegi. L’accordo con Reijnders è già stato trovato: un contratto di cinque anni a 1.7 milioni di euro l’anno.

ARTICOLI CORRELATI
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Segui la nostra pagina Facebook per non perderti nulla di quello che succede nel mondo Milan!
Iscriviti al nostro canale Youtube per non perderti tutte le nostre dirette e i contenuti esclusivi!

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

reijnders milan cifre

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime news

Notizie correlate