Razzismo in Serie A, Messias: “Può portare alla morte, pensateci”

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Il tema della lotta al razzismo (più che mai all’ordine del giorno) affrontato dall’ex Milan Messias: le sue parole dopo il caso in Serie A

Prima quanto successo a Mike Maignan a Udine, poi i continui attacchi a Vinicius Junior, fino ad arrivare al protagonista di Serie A Francesco Acerbi, prima accusato e poi assolto nella vicenda con Juan Jesus: la lotta al razzismo non si ferma. E la cavalca anche Junior Messias, perché in un’intervista a Sky Sport è stato molto chiaro e diretto.

“Prima di insultare, pensateci”

Queste le parole dell’ex Milan:

“È una cosa che vedo che sta capitando spesso. È capitato in Serie A e in Spagna, e secondo me è un po’ esagerato, perché a volte la gente colpisce senza sapere quel che sente l’altro. Noi siamo esseri umani, siamo calciatori ma abbiamo una vita normale come le altre persone. Abbiamo un cuore. Quindi prima di fare un insulto razzista, e intendo di ogni tipo, la gente deve pensarci. Il razzismo può anche portare alla morte“.

Ultime news

Notizie correlate