“Magico il gol al Milan, Kakà un idolo”: il giovane della Juventus

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Ranocchia si racconta tra idoli dell’infanzia e Juventus: il giovane in prestito all’Empoli ricorda il gol a San Siro contro il Milan un anno fa

Per dinamiche di campo ed extra, legate anche alla corrente Serie A e all’attuale squadra, il 22 ottobre del 2022 sembra lontanissimo ai tifosi del Milan: contro il Monza, a San Siro, in quel 4-1 segnò Filippo Ranocchia. In quella squadra di Stefano Pioli decisero Divock Origi e Brahim Diaz, che contribuirono alle tre bellissime reti prima della chiusura di Rafa Leao. In mezzo, però, una splendida punizione del classe 2001 di proprietà della Juventus, che quest’anno è in prestito ad Empoli. In un’intervista a Tuttosport, Ranocchia ha oggi ricordato quel gol al Milan e parlato di Toni Kroos e Kakà, i suoi idoli calcistici.

BAIOCCHINI: “LEAO? PIOLI HA UN DESIDERIO. DATO SHOCK SUI GOL SUBITI”

Tra modelli e Juventus

Ha un modello a cui si ispira?

«Mi fa impazzire Toni Kroos. Un campione mediaticamente un po’ sottovaluto, ma che sa far tutto benissimo».

Il suo idolo però era Kakà…

«Anche quest’anno ho preso il 22 in suo onore, ma siamo molto diversi (ride, ndr). Devo migliorare in zona gol».

La sua unica rete in A però è stata speciale.

«L’ho segnata a San Siro contro il Milan l’anno scorso. Peccato per la sconfi tta, ma segnare nello stadio più bello d’Europa è stato magico».

Con chi ha legato di più alla Continassa?

«Chiellini era il mio punto di riferimento, Giorgio stava sempre vicino a noi giovani. Si è creato un buon anche rapporto con Locatelli».

Dove può arrivare questa Juve?

«Può giocarsi lo scudetto fino alla fine. Naturalmente l’Inter è fortissima, ma la Juve ha una rosa di qualità e il vantaggio di non fare le coppe. Allegri è un vincente e sa tirare fuori il meglio da tutti in questa situazione».

IL MILAN E IL PROBLEMA NON RISOLTO DEI CALCI D’ANGOLO

Dentro e fuori dal campo

Dicono di lei che sia un perfezionista…

«Mi piace curare al meglio ogni aspetto fuori dal campo. Ad esempio da anni mi faccio seguire da un nutrizionista per quanto riguarda l’alimentazione».

Infine come è Ranocchia fuori dal campo?

«Sono un tipo tranquillo. La sera mi piace guardare serie tv con la mia fidanzata Camilla. La preferita? Breaking Bad: ogni volta me la rivedo dall’inizio».

IMPALLOMENI: “CORSA SCUDETTO? IL MILAN PUÒ INSERIRSI, MA A UNA SOLA CONDIZIONE”

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ultime news

Notizie correlate