Ranieri: “Milan, la tua novità è Loftus-Cheek! Quando ha la palla…”

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

L’eterno Claudio Ranieri ha allenato tutte le big tranne il Milan: a spiegare il perché è stato lui stesso ai microfoni della Gazzetta dello Sport

La Gazzetta dello Sport in edicola oggi ha pubblicato una bella intervista a Claudio Ranieri, tornato in Serie A all’età di 71 anni: dal Cagliari alla Serie A, passando per Inter e Milan, l’allenatore romano ha raccontato un retroscena del passato che riguarda proprio i rossoneri.

Il Cagliari

«Il campo mi fa star vivo. C’è la voglia di stare a Cagliari e non ho mai avuto la voglia di smettere. Salvarsi sarà dura. Il termine libecciate l’ho inventato qui. Intendo dire che dobbiamo stare tutti uniti quando c’è burrasca. Le libecciate sono pericolose. Io sarò pure stimato ma da solo non ce la faccio. La A è un patrimonio, tutti dobbiamo aiutare il Cagliari. Col presidente Giulini il rapporto è ottimo. Parliamo spesso. La retrocessione è scioccante. Ha messo tanti soldi, qualche errore ci può stare: sul calciomercato cerco di far prendere chi fa al mio caso al presidente e al ds Bonato».

La Serie A e il suo 4-4-2

«In Serie A si gioca a mille all’ora. Corrono pure i campioni, ma il 10 che inventa la giocata ci sarà sempre. Tutti pressano e vogliono iniziare dal basso. Non dico non sia giusto, ma prima di mettere in apprensione i giocatori ci penso. Se tutti pressano per rubar palla, se non ho quelli del City a palla ferma non parto dal basso».

«Il 4-4-2? Iniziai col Cagliari nel ‘90. Partivo 3-5-2 e cambiavo in 4-4-2 disorientando gli avversari. Oggi i calciatori sono più duttili e hanno compiti che dall’esterno non si conoscono. Lautaro contro di noi ha fatto dei movimenti, tornando indietro, estremamente intelligenti. Il sistema vincente sono i giocatori».

Milan e Inter

«Il Milan mi ha mai cercato? Sì dopo Cagliari, ma avevo scelto Napoli. Oggi Milan e Inter sono due squadre con grande organizzazione, Loftus-Cheek la novità, se ha la palla tra i piedi è difficile togliergliela. Ma non escludo Napoli, Lazio e la Juve che non ha le coppe e a marzo, aprile conterà».

ARTICOLI CORRELATI
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Segui la nostra pagina Facebook per non perderti nulla di quello che succede nel mondo Milan!
Iscriviti al nostro canale Youtube per non perderti tutte le nostre dirette e i contenuti esclusivi!

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

ranieri milan loftus-cheek

Ultime news

Notizie correlate