Sconcerti: “Sui rinnovi dei dirigenti si pretende tutto e subito, ma in realtà…”

0 cuori rossoneri

Nel suo classico editoriale su Calciomercato.com, Mario Sconcerti è tornato sul tema caldo del rinnovo di Paolo Maldini e Ricky Massara.

“Non so perché quando c’è una trattativa tra la società e un suo dirigente, tutti stanno dalla parte del dirigente. E’ successo con Italiano, con Totti, sta accadendo con Maldini. Si pretende venga fatto tutto e subito. Nessuno sa bene cosa chiedano le parti, ma tutti hanno già scelto. In casa d’altri e con i soldi degli altri. Credo proprio che Maldini a ore firmerà il suo legittimo contratto con il Milan, ma è un diritto reciproco ascoltare i progetti, definire le autonomie, conoscere i criteri di giudizio. Trattare non significa non volersi, è il contrario. Significa cercare un accordo che si vuole in due. Dobbiamo capire che il calcio oggi è cambiato perché sono cambiati i proprietari.”

LEGGI QUI ANCHE   -ESCLUSIVA, ORIGI DAY: LIVE CON RADIO ROSSONERA!-

“Gli americani non fanno gestire i propri soldi agli altri. Delegano su scouting, scelte, trattative, ma tutto deve essere riportato a loro. Questo può allungare i tempi, disturbare qualcuno che è già un bravissimo operatore, ma non parla con soldi suoi. Il calcio sarà anche globale, da noi oggi è soprattutto verticale. Sulla cima ci sono imprenditori americani che intendono il calcio come un lavoro. Deve avere amore, competenza, guadagno e gerarchie che ogni lavoro pretende. Non so se sia un bene, ma è il mondo reale.”

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Senza categoria

Potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live