Qatar, giorno 4: Spagna forza 7. Cade la Germania, ok il Belgio

0 cuori rossoneri

Qui Qatar giorno 4, si aprono i gironi E ed F della competizione mondiale. Eccola la seconda sorpresa di Qatar2022, la Germania perde contro il Giappone. La Spagna travolge la Costa Rica. Vince il Belgio, ma con qualche polemica. Nella prima gara della giornata il Marocco impone un pareggio senza reti ai vicecampioni del mondo della Croazia.

MAROCCO-CROAZIA

La gara che apre il giorno 4 in Qatar termina con un pareggio. Si tratta del terzo 0-0 in questa competizione. Dopo i pareggi a reti bianche tra Danimarca-Tunisia e Messico-Polonia, anche Modric e compagni non riescono a superare l’ostacolo Marocco. Una gara nella sostanza equilibrata, con poche occasioni da gol da una parte e dall’altra. Prova a fare la partita la squadra croata, ma non riesce mai a farsi pericolosa nell’ultima trequarti di campo. Complice anche un’ottima fase difensiva dei marocchini, squadra ben organizzata e che prova a sfruttare le scorribande dei due esterni, Hakimi sulla destra e Mazraoui sulla corsia sinistra. Da segnalare  l’uscita dal campo al 60′ minuto per infortunio dell’esterno scuola Ajax, attualmente in forza ai tedeschi del Bayern Monaco. Osservato speciale per i tifosi rossoneri del match è stato sicuramente Ziyech, autore di una discreta prova, ma senza particolari guizzi. Buon primo tempo, quello dell’esterno del Chelsea in “orbita” Milan da diverso tempo, calato però nella ripresa.

GERMANIA-GIAPPONE

Il Giappone in rimonta batte la Germania e conquista i primi tre punti in questo mondiale. Eccola, la seconda sorpresa di questo Qatar2022, i tedeschi escono sconfitti nella loro prima gara del mondiale. La squadra di Flick va in vantaggio, grazie al gol dal dischetto del centrocampista del Manchester City Ilkay Gundogan, ma si fanno rimontare nella ripresa. Finisce 2-1 per Nagatomo e compagni. Una partita dai due volti quella della Germania. Nella prima frazione di gioco padrone del gioco, riesce a trovare il vantaggio grazie al rigore concesso dall’arbitro Barton per fallo dell’estremo difensore giapponese Gonda ai danni dell’esterno tedesco Raum. Tante però le occasioni sprecate dai tedeschi nel primo tempo. Due capitate sui piedi dell’autore del gol Gundogan . Anche un gol annullato a Havertz per fuorigioco, pochi minuti prima del fischio finale dei primi 45 minuti. Stesso canovaccio nella ripresa, con una Germania che prova a chiudere la gara, ma che spreca tanto. Al minuto 50′ è clamorosa l’occasione divorata da Musiala, abile a saltare quattro giocatori avversari, ma al momento della conclusione spara alto da ottima posizione. Poi è Gnabry, altro giocatore del Bayern Monaco, a sprecare diverse occasioni per il 2-0 tedesco.

Come spesso accade nel calcio, quando non chiudi le partite, rischi sempre la beffa. Questo quello che è successo, complimenti ad un Giappone, che non ha mai smesso di credere all’impresa ed è stato premiato con una vittoria insperata alla vigilia della gara. Decisivi per il Giappone i cambi del tecnico Moriyasu, i due gol infatti portano la firma dei subentrati Doan e Asano. Quest’ultimo autore di un gol pregevole, con uno stop fantastico salta il centrale tedesco Schlotterbeck e batte un incolpevole Neuer, per il 2-1 finale. Ora per la Germania si fa dura. Domenica arriva la Spagna, in una gara che sa già di dentro o fuori per gli uomini di Flick. Da segnalare la protesta dei tedeschi contro la Fifa prima della gara.

SPAGNA-COSTA RICA

Giorno 4 in Qatar e tempo di debutto anche per la Spagna di Luis Enrique. Match senza storia quello contro la “povera” Costa Rica. Le furie rosse dilagano e battono Navas e compagni per 7-0. Gara a senso unico con gli spagnoli che aprono le marcature al minuto 11′ grazie al gol di Dani Olmo. Passano dieci minuti e la Spagna trova il raddoppio con Asensio che infila Navas con un bel diagonale. Il primo tempo si chiude sul 3-0, con Ferrán Torres che dal dischetto non sbaglia il rigore concesso per fallo su Jordi Alba. Il secondo tempo è accademia spagnola. Apre le danze ancora Torres, autore di una doppietta. Poi ci pensano nell’ordine, Gavi, Soler e Morata a fissare il risultato sul 7-0 per la Spagna. Straripante il gioco spagnolo contro una debole Costa Rica. Da incorniciare la prova di Gavi, entrato di diritto nella storia. Il giocatore più giovane ad aver segnato in un mondiale, ricordiamo che il talento del Barcellona ha 18 anni e 110 giorni.

Inizia dunque nel migliore dei modi Qatar2022 per gli uomini di Luis Enrique, che nel prossimo match se la vedranno con la Germania. Già una gara importante in vista della qualificazione agli ottavi. Con una vittoria infatti la Spagna, potrebbe chiudere il discorso qualificazione, dando una spallata forse definitiva ai tedeschi. Appuntamento per domenica prossima alle ore 20.00.

BELGIO-CANADA

Match numero 4 di questa giornata in Qatar. Tre punti per i diavoli rossi, che battono un buon Canada, grazie alla rete di Batshuayi. Il Belgio chiude in vantaggio la prima frazione di gioco. Nonostante un ottimo avvio del Canada, sono i diavoli rossi a passare allo scadere di tempo. La rete è di Batshuayi, l’attaccante del Fenerbahçe, chiude con un potente tiro la ripartenza belga. Al minuto 11′ Alphonso Davies sbaglia un calcio di rigore, fischiato dall’arbitro per un fallo di mano in area di rigore del Belgio. Tiro debole, respinto dall’ottimo Courtois. Nella ripresa il Belgio gestisce la gara e viene salvato da due ottimi interventi di Courtois. Vittoria che permette alla squadra di Hazard e compagni di essere momentaneamente in testa al gruppo F, complice il pareggio odierno tra Croazia e Marocco.

La curiosità di questa gara è legata al direttore di gara. Il nome Janny Sikazwe (Zambia) probabilmente non vi dirà nulla, eppure questo arbitro è diventato virale sul web in occasione dell’ultima Coppa d’Africa. Infatti in occasione di Tunisia-Mali fischiò per errore la fine della gara con cinque minuti d’anticipo, al minuto 85:10. Partita poi ripresa dopo che il ct del Mali si stava già presentando in conferenza stampa. La scusa del fischietto fu quella di un colpo di sole. Anche questa sera il Canada ha da recriminare, infatti manca almeno un altro calcio di rigore per fallo di Witsel ai danni di Laryea sul finire della prima frazione di gara.

I ROSSONERI IMPEGNATI

Debutto rimandato per Charles De Ketelaere. Infatti il commissario tecnico Martinez ha lasciato in panchina per tutta la partita il numero 90 rossonero. L’allenatore belga ha optato per un attacco con Hazard, Carrasco e Batshuayi. Nella ripresa nei cambi scelti da Martinez non c’è stato spazio per Charles. Vedremo se riuscirà a scalare le gerarchie in vista del prossimo match del Belgio contro il Marocco, in programma domenica prossima alle ore 14.00.

Segui la nostra pagina Facebook per sapere tutto quello che succede nel mondo Milan!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Radio Rossonera Live

live