Pioli in conferenza: “Nessuno dei miei giocatori ha raggiunto il suo massimo potenziale”

0 cuori rossoneri

Nel giorno del raduno che avvia definitivamente la stagione 2022-23 del Milan, mister Stefano Pioli ha partecipato alla prima conferenza stampa dell’anno, per presentare la prossima stagione.

– Leggi QUI lo striscione dei tifosi per i calciatori del Milan –

Sul gruppo: “Tenere tutti a bordo è stato uno dei nostri segreti. La nostra forza è stata quella di continuare a credere sempre nei nostri giocatori. Il coraggio che dovremo dimostrare è quello di metterci continuamente in discussione. Nessuno dei miei giocatori ha ancora raggiunto il massimo potenziale”

Sull’estate: “Mi sono goduto la famiglia e gli amici. Ho anche incontrato tantissimi tifosi felici, che mi hanno entusiasmato. Questo entusiasmo lo voglio portare per tutta la stagione”

Sulla volontà di confermarsi: “Bisogna inserire ragazzi di qualità. Dobbiamo essere creatori di opportunità. Tutto quello che abbiamo passato ci ha reso più consapevoli e convinti. Credo anche che abbiamo motivato i nostri avversari, quindi dovremo ancora alzare il livello”

Sui rinforzi: “Abbiamo delle idee. Adesso però dobbiamo valutare bene le nostre situazioni. È rientrato Pobega, che ritengo molto forte, ed Adli, che è un ragazzo davvero interessante”

Sullo scudetto e su Ibra: “Oggi ho trovato un gruppo molto consapevole, maturo e motivato. So che ho a che fare con persone e giocatori veri. Dobbiamo lavorare giorno per giorno per continuare a lavorare, dato che il livello, le aspettative e la pressione aumenteranno. Zlatan sta bene, sta recuperando. Mi auguro di poter lavorare ancora con lui, è un campione”

Su Leao: “Può fare qualcosa in più, ha solo 23 anni. Se quest’anno è andato in doppia cifra, potrà e dovrà essere ancora più incisivo. Può spaccare le partite con le qualità che ha”

Sull’Europa e sul mercato: “L’esperienaza delloscorso anno ci ha insegnato tanto. Non ci è mancato molto ad essere competitivi. Ovviamente in questo momento non possiamo puntare a vincerla, anche per un discorso di budget. Ma so che la mia squadra è cresciuta dopo l’esperienza difficile dello scorso anno. Dybala e De Ketelaere sono profili molto diversi, ma so che ho alle spalle dei dirigenti capaci che sapranno muoversi nel modo migliore”

Sul rinnovo di Maldini e Massara: “Ero sereno. Abbiamo continuato a lavorare quotidianamente. Non sono mai stato preoccupato. La compattezza e la solidità sono un nostro punto di forza”

Sul migliorare e su Dida: “Lo scorso anno volevamo migliorare il punteggio. Quest’anno non mi concentro sull’obiettivo ma sul percorso. Dovremo giocare e dare tutto in ogni singola partita. Sarà una stagione particolare, con 21 partite nei primi 3 mesi. Saremo molto attenti nella preparazione. Nelson, purtroppo ha dovuto tornare in Brasile. Lo ringrazio e cercheremo un sostituto all’altezza”

Su Pobega: “Spero possa essere come Tonali lo scorso anno. È molto interessante, penso possa essere un arma in più per noi”

Su Adli: “Adli è molto interessante. Tecnicamente valido e bravo a smarcarsi e a verticalizzare. Credo sia da capire la sua posizione migliore. È intelligente e preparato. Questa preparazione ci servirà per conoscerci e per capire il suo ruolo, anche se non siamo legati a ruoli o moduli fissi”

Su Romagnoli e Kessié: “Abbraccio calorosamente i due. Due grandi professionisti, grandi giocatori. Gli auguro il meglio per la loro carriera. Prima di cercare i sostituti valutiamo bene quello che abbiamo, al massimo poi aggiusteremo”

Sul calciomercato rispetto ad Inter e Juventus: “Sono sicuro che il 13 agosto saremo pronti. Ovviamente da allenatore se mi dici che domani siamo al completo sarò contento, ma non sarà così. Più passano le giornate più ti rendi conto di quello che hai e di ciò che ti serve. Siamo aperti, ma partiamo da una base molto solida. Io il 16 luglio potrei già schierare una squadra forte in campionato”

Sulle possibilità di una difesa a tre: “Intanto vorrei sottolineare il rientro di Kjaer. Ci è mancato molto negli ultimi sette mesi. Per le caratteristiche che abbiamo credo che anche la difesa a tre possa essere una soluzione, valuteremo”

Sul tipo di difensore che vorrebbe: “Il piede non è un problema. Tomori è un destro ma preferisce giocare a sinistra. Valuteremo quello che abbiamo e poi ci sarà modo e tempo per intervenire”

Sulle possibili avversarie: “Gli avversari sono gli stessi dello scorso anno: Inter, Juventus, Napoli, Roma e Lazio. Sarà lo spirito della squadra che farà la differenza alla fine. Non vedo l’ora che sia il 15 luglio per riavere tutti i giocatori”

Sul calendario: “Non credo ci saranno partite facili. Gli avversari sono tutti da affrontare con grande rispetto. Dovremo alzare il livello”

Sulla preparazione: “Ho voglia di ripartire, sono pieno di entusiasmo. Come preparazione non credo che cambierò moltissimo dallo scorso anno. Cambiano solo i primi 15 giorni e le prime amichevoli. Ma credo che abbiamo il tempo per arrivare pronti e brillanti alla prima partita. Quelle che potrebbero cambiare magari sono le rotazioni”

Su Ziyech: “Non saprei. Messias ha fatto un buon campionato e credo possa fare ancora meglio. Poi queste valutazioni le faranno i dirigenti”

Su Origi: “Quest’anno le gerarchie ci saranno ma saranno partita per partita. Non ho una formazione titolare in testa al momento. Dovremo avere 22 titolari, abbiamo davvero troppe partite quest’anno. Non è importate se in estate sarà più avanti Giroud o Divock, ma l’importante è averne due forti e soprattutto con caratteristiche molto diverse”

Sui giornali che non portano il Milan favorito: “Sono contento, anche lo scorso anno era così. Poi parla il campo”

Sui giocatori da seguire: “Uno che credo possa fare bene è Bennacer. Mi aspetto tanto da lui”

Sul tormentone Pioli is on fire: “È bello, ma anche strano. Il fatto che i tifosi del Milan mi abbiano dedicato questo coro è entusiasmante. I nostri tifosi sono veramente unici”

È più facile vincere la prima volta o riconfermarsi? “La riconferma è una cosa che non ho ancora mai avuto la possibilità di fare. Certamente vincere non è stato facile”

Sulle caratteristiche del mercato: “Deve arrivare della qualità, specialmente per le partite più chiuse”

 

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Photocredit: acmilan.com

 

Senza categoria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live