rio ave milan pagelle

Pagelle Sampdoria Milan 1-2: Questo gruppo sa anche soffrire. Avanti così!

0 cuori rossoneri

PAGELLE SAMPDORIA-MILAN 1-2 – Dopo aver raggiunto la qualificazione ai sedicesimi di Europa League in settimana, i rossoneri riprendono il loro cammino in campionato al Marassi di Genova. I ragazzi di Pioli affrontano quelli di Ranieri senza Ibra, Kjær, Bennacer e Leão. Serve un episodio, come il rigore di Kessiè, per scardinare l’organizzazione tattica dei padroni di casa. Nella ripresa la fatica e la paura si fanno sentire. Questa squadra ha però un cuore grande e accetta di mettersi l’elmetto per portare a casa l’ennesima vittoria stagionale. Avanti così, magari con qualche recupero importante per la prossima partita. Che gruppo, che classifica!

PAGELLE

Donnarumma 7: Compie un miracolo su Tonelli che colpisce da distanza ravvicinata dopo una carambola in area di rigore. Non gli riesce la prodezza quando Ekdal riapre la partita a 10 minuti dalla fine. Sicuro sulle uscite, soprattutto quando ti mancano i centimetri di Ibra e Kjær. #SantoSubito


Calabria 6,5: Festeggia il suo compleanno con i soliti chilometri percorsi sulla fascia destra. Duetta spesso con Saelemaekers, questa volta con meno qualità rispetto al match con la Fiorentina. Rebić non sfrutta una bella discesa di Davide nel secondo tempo. #HappyBirthday


Gabbia 6,5: Deve sostituire Kjær e lui si prende finalmente più responsabilità in fase d’impostazione soprattutto nel primo tempo. Magari non sempre elegantissimo ma efficace quando c’è da chiudere. #Gagliardo


Romagnoli 6,5: Ha festeggiato i 200 gettoni con il Milan in settimana. Prova a prendere per mano e guidare la difesa rossonera ma quando la Samp attacca si sente la mancanza di Kjær. Non commette errori però, rischia solo scivolando nel finale. #Presente


Theo Hernández 7: Chiede un rigore la prima volta che sfonda in area avversaria. Lancia Rebić come a Crotone, questa volta senza successo. È bravo e fortunato quando di testa trova un braccio avversario procurandosi il rigore del vantaggio. Si risparmia nella ripresa. #TheoExMachina


Tonali 6,5: Questo stadio gli porta bene (prima rete in Serie A l’anno scorso contro il Genoa) ma prima Díaz tarda a mandarlo in porta da ottima posizione e poi il suo esterno finisce lentamente sul palo. Gioca poco in verticale e Gigio gli ricorda gentilmente di non perdere qualche pallone di troppo. Non rinuncia però mai a battagliare, è d’altronde un cuore rossonero. #PerUnPalo


Kessiè 7: Uno scivolone in avvio di gara gli costa subito l’ammonizione. Dopo la gioia e l’errore con la Fiorentina, è freddo dal dischetto e sblocca la partita al 45esimo come a Crotone. Il cartellino lo frena ma merita mezzo voto in più per il goal che apre le marcature. #Iceman


Saelemaekers 5,5: Si riprende la fascia destra dopo il riposo in Coppa. Serve una grande palla a Rebić che viene però respinto. Conclude alle stelle un interessante schema da calcio d’angolo. Non è scatenato come Domenica scorsa. #BelGiù


Çalhanoğlu 6: Quasi un ritorno all’antico per il Turco quando parte da sinistra nel primo tempo. La squadra gli affida le chiavi del gioco ma lui fatica a stare in piedi sul terreno non perfetto del Marassi. Non è lesto a salvare sul primo palo ed inganna così Donnarumma. #BarcolloMaNonMollo

Díaz 5,5: Preferito ad Hauge sulla trequarti rossonera da Pioli. Pecca di egoismo sprecando un ottimo contropiede nella prima frazione di gioco. Soffre quando gli avversari la mettono sul fisico. Poco incisivo sotto porta, viene sostituito nell’intervallo. #SerataNo


Rebić 6,5: Ferrari prima e Tonelli poi (con l’aiuto della Goal-line technology) gli negano la gioia della prime rete stagionale. Si sbatte ma gli manca segnare e si vede, come quando ostacola Díaz sul più bello. L’assist per Castillejo impreziosisce però la sua prestazione. #WarmUp

Hauge 6,5: Dentro al posto di Díaz, dopo le magie con il Celtic. Si iscrive subito alla partita con l’assist per il palo di Tonali. Inizia con qualità l’azione che porta al raddoppio rossonero. Meritava la titolarità. #YesJens

Castillejo 6,5: Tocca un pallone, il primo della sua partita, e lo trasforma nella rete del raddoppio. In fiducia dopo le reti in Europa League contro Lille e Celtic. Tiene palla nel finale. #Letale

Krunić SV

Pioli 7: Le assenze sono tante e pesanti. I movimenti offensivi sono ben studiati per stanare la difesa di Ranieri ma non è facile segnare senza una punta di ruolo. L’età media così bassa si fa sentire quando c’è da difendere il risultato. Lavorare sulla palle inattive a sfavore please. Esultanza alla Mourinho con corsa ed abbraccio ai suoi giocatori. #Condottiero


Tommaso Dimiddio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live