Castillejo: “Già vicino al Valencia a gennaio, ma è mancato l’accordo tra club”

0 cuori rossoneri

Durante la conferenza stampa di presentazione al Valencia, l’ex rossonero Samu Castillejo ha parlato del suo addio al Milan.

Sulla scelta del Valencia
“A qualsiasi calciatore, spagnolo o meno, piacerebbe giocare nel Valencia. C’era stato un interesse già a dicembre, ma l’affare si è concretizzato: mancava l’accordo tra i due club. Il Valencia era la mia prima opzione già allora, proprio come lo è stata e lo sarà ora. L’ho detto al mio agente, volevo giocare solo qui”.

Sulla scelta di mister Gattuso
“Conosco il mister da tre anni, lo avevo al Milan. Nelle prime chiamate mi ha detto che era molto contento e che nel mondo Valencia si lavora come in un grande club. L’obiettivo è quello di creare un gruppo unito per aiutare a riportare il Valencia dove merita di stare”.

Sulla fine della sua esperienza in rossonero e sui pochi minuti giocati
“Chi mi conosce sa che ho sempre creduto molto in me. Quest’ultimo anno sono successe tante cose, anche al di fuori dell’ambito sportivo, ma alla fine a prendere le decisioni è sempre il club. Io ho sempre lavorato, quando venivo chiamato in causa mi sono sempre fatto trovare pronto e ho sempre dato il massimo: voglio far vedere ai tifosi del Valencia che sono venuto perché voglio fare bene”.

LEGGI QUI ANCHE   -RENATO SANCHES, CONTINUA LA TELENOVELA: OFFERTA DEL PSG RIFIUTATA-

Sui miglioramenti dopo l’esperienza in Italia
“Tutti i calciatori acquisiscono maturità col passare degli anni. Ora in campo sono diverso da quando sono arrivato al Milan dal Villarreal, ma la voglia e l’ambizione sono le stesse”.

Sulla trattativa col Valencia
“Siamo stati sempre in contatto con questo club, in quasi tutte le sessioni di mercato. Io volevo venire e il mio agente lo sapeva”.

Su Gattuso, che tipo di allenatore è?
“Credo che lo abbiate visto come calciatore, come allenatore è uguale. Sa trattare molto bene i calciatori soprattutto a livello personale, a noi questa sua peculiarità piace molto. Il mister ha aiutato affinché tutto si concretizzasse velocemente e più facilmente, alla luce del gran rapporto che ha col Milan. Il resto l’ho fatto io”.

Sugli obiettivi stagionali
“L’Europa. Conoscendo il mister, anche per lui vale lo stesso. Ha una mentalità vincente e non andrebbe mai in un club che non ha l’ambizione di andare in Europa”.

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Senza categoria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live