Abate a Milan Tv: “Sono orgoglioso che la scelta sia ricaduta su di me”

0 cuori rossoneri

Il nuovo allenatore della Primavera rossonera Ignazio Abate ha parlato ai microfoni di Milan TV. Queste tutte le sue dichiarazioni:

Com’è stato tornare a Milanello? “È stato bellissimo varcare questi cancelli, sapete cosa rappresenta questo Club per me, cosa ha rappresentato e rappresenta questo centro sportivo: sono contentissimo. Speriamo di meritarcelo tutti insieme”.

Sul suo nuovo ruolo da allenatore della squadra Primavera: “Sono orgoglioso che la scelta sia ricaduta su di me. Ringrazio la società, da Paolo (Maldini, ndr), a Ricky (Massara, ndr) e Danzè. Soprattutto Angelo Carbone che l’anno scorso è stato il primo a credere in me e offrirmi questa opportunità. È una categoria molto importante, è un’avventura che va affrontata con grande serenità”.

LEGGI QUI: PADOVAN ATTACCA IBRA: “IL RINNOVO È PATETICO, IL SUO PERSONAGGIO SI STA SMAGNETIZZANDO”

La sua crescita personale a contatto con i ragazzi dell’U16: “Sono cresciuto tantissimo nel quotidiano a rapportarmi con loro, sono un libro aperto con le loro ansie e le loro paure. Mi hanno arricchito molto. È stato un anno determinante ma soprattutto dal punto di vista umano, del campo e tecnico, dove mi è stato permesso di sperimentare, di provare, di conoscere. Non si finisce mai di imparare mai. Sono molto curioso di capire e di imparare. A livello giovanile veramente c’è una struttura che è di alto livello, dall’area medica all’area video. I ragazzi crescono in un ambiente sano e all’avanguardia”.

Sugli obiettivi: “Abbiamo il calendario pressocchè uguale alla prima squadra, dove in due-tre mesi ci saranno tantissime partite e pochissime pause. L’obiettivo reale in questo momento è creare una mentalità, quel senso di appartenenze e trasmettere quei valori importanti ai ragazzi. L’aspetto tecnico o tattico secondo me subentra in un secondo momento, adesso bisogna gettare le basi e creare un’anima che nei momenti di difficoltà aiuta e uscirà fuori. Senza cuore e senza anima si farà fatica. Lotteremo per vincere e convincere, questa società è abituata e richiede un calcio di un determinato livello. Ci sono dei valori, soprattutto in questa società e nello sport, che bisogna mettere nella testa dei ragazzi. Già se iniziamo a capire dove siamo e che maglia indossiamo allora getteremo delle buone basi. È una maglia prestigiosa che va rispettata e onorata non ogni domenica ma nel quotidiano. Poi penso che la squadra rispecchi sempre il proprio allenatore. Io sento un senso di responsabilità molto forte nei confronti della società. I ragazzi sono in un’età molto importante, ad un bivio della loro carriera dove decidere cosa voler fare da grandi. Per intraprendere questa professione, la più bella del mondo, bisogna fare dei sacrifici, essere professionali e soprattutto bisogna meritarselo, perché non siamo in una prima squadra, con i ragazzi cercherò di essere il più sincero possibile, e di dargli una mano in qualsiasi momento. Troveranno un amico e un compagno su cui fare affidamento, però su determinati valori non si transige”.

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Senza categoria

Potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live