PSG-Milan, Pioli: “Fondamentale sfruttare le occasioni: così agiremo su Mbappé”

I più letti

Piero Mantegazza
Nato in provincia di Como nel 2000, laureato in Economia dei beni culturali e dello spettacolo. Ho mosso i primi passi nel giornalismo a “La Provincia di Como” per poi passare a Radio Rossonera. Raccontare lo sport è la mia passione: calcio e tennis non devono mai mancare. Fin da bambino il focus è il Milan, che è come una seconda famiglia. Innamorato delle bandiere e delle loro ineguagliabili storie, ormai sempre più in via d’estinzione

Stefano Pioli carica il suo Milan verso la sfida al PSG: Giroud l’uomo in più, la strategia su Mbappé e la non risposta su Leao

Domani sera il Milan è atteso da una super notte di Champions League, al Parco dei Principi contro il PSG: Stefano Pioli ha presentato la gara in conferenza stampa. Fin ora non è stata molto fortunata l’Europa per i rossoneri, cambiare passo è fondamentale per conquistare gli ottavi. Il Milan dovrà farlo nella partita più difficile del girone, quella fuori casa contro il PSG: Pioli ci crede, ecco le sue indicazioni e le insidie della squadra di Luis Enrique.

PSG-MILAN, CENTROCAMPO NUOVO? PIOLI HA IN TESTA DUE MOSSE

Il tecnico rossonero in conferenza stampa

Quali sensazioni ha la squadra?

“Sono di una partita molto importante: questo doppio scontro col PSG sarà molto importante e mi auguro non decisivo, perché credo e spero che questo girone si deciderà all’ultima giornata”.

Cosa vuoi vedere e cosa non vuoi vedere delle prime due partite?

“Vorrei rivedere tutto, perché abbiamo giocato due partite da Champions, ma il calcio è strano… Non abbiamo segnato neanche un gol ed è molto particolare. Credo che domani avremo molte meno occasioni, ma magari con 4 tiri in porta faremo 5 gol. Luis Enrique sta facendo un lavoro incredibile: prima il PSG si affidava a grandissimi campioni, ora lavora più di squadra con grandissimi campioni. Noi siamo il Milan, vogliamo giocare a testa alta”.

Ci sarà Pobega?

“Pobega ha determinate caratteristiche: se dovessi pensare che domani serviranno di più le sue caratteristiche giocherà dall’inizio”.

Il PSG è molto offensivo…

“Luis Enrique comunque gioca con 4 giocatori offensivi: potrebbe essere rischioso sia aspettarli che andarli a prendere. L’importante è fare le cose insieme, con la stessa idea, con i tempi giusti, sapendo che potremmo anche, una volta saltata la prima pressione, essere pericolosi”.

Cosa vi dà Giroud?

“È un grandissimo giocatore e un uomo di grande spessore. Ha aiutato la squadra a crescere, con i gol, con l’esempio, con la professionalità, con il lavoro in ogni singolo allenamento”.

Come si difende su Mbappé?

“Ha una capacità di movimento incredibile e una velocità incredibile. Chi si troverà nella sua zona dovrà essere molto attento e preparato per provare ad anticipare il suo movimento; più sporcheremo i palloni per lui, più lo limiteremo”.

Sogni una notte da Leao alla Mbappé?

“Spero possa far gol Giroud o qualunque dei miei. Leao dovrà fare il massimo, come Pulisic o chiunque altro”.

Leao gioca secondo i tuoi dettami?

“Non rispondo…”

Come stanno Okafor e Loftus-Cheek?

“Okafor sicuramente dovrà essere recuperato per Napoli. Loftus-Cheek sta un po’ meglio, ma non so se ci sarà a Napoli. Eventualmente cambieremo qualcosina, anche posizioni se necessario”.

Come si cura il mal d’attacco?

“Dobbiamo segnare di più per quello che stiamo creando, soprattutto in Champions. Dobbiamo sfruttare al meglio la prima o la seconda occasione che capita, a questo livello si deve fare così”.

Come si cura il mal d’attacco?

“Dobbiamo segnare di più per quello che stiamo creando, soprattutto in Champions. Dobbiamo sfruttare al meglio la prima o la seconda occasione che capita, a questo livello si deve fare così”.

Leao e Pulisic devono calciare di più in porta?

“Certo che devono cercare di più la porta. Il problema è quando non abbiamo un numero sufficiente di giocatori vicino a loro: se vengono raddoppiati diventa più difficile tirare. Contro la Juve siamo stati troppo bassi, ma domani sarà una partita completamente diversa”.

Sarà la prima volta contro Donnarumma…

“Gigio l’ho visto con la Nazionale, l’ho abbracciato e ogni tanto ci messaggiamo. Con noi ha dato il massimo fino all’ultimo giorno: domani lo saluteremo”.

Pioli a Milan Tv

Su PSG-Milan: “Partita molto importante per il nostro girone, contro una squadra fortissima, che gioca un calcio intenso, energico, tecnico, con grandi campioni e un allenatore che stimo tanto come persona e come tecnico. Ci vuole una prestazione di alto livello in una partita di alto livello”.

Su come sta la squadra: “Queste partite così attese aiutano i giocatori nel recuperare le energie perse nelle partite precedenti. La squadra sta bene, come stanno bene i nostri avversari; tutte e due le squadre cercheranno di fare la partita, loro lo vogliono fare nel modo più assoluto. Sono una squadra completa: servirà una prestazione da tutti i punti di vista di spessore e credo che la squadra sia pronta e preparata”.

Sul PSG: “PSG squadra di tantissimi giocatori e di tanti campioni, prima molto affidata a soluzioni individuali; ora ce l’hanno ancora queste grandissima individualità con Mbappé che è il migliore al mondo, ma con Luis Enrique ora la squadra ha una propria identità”.

Su Mbappé: “Sbagliato concentrarsi solo su di lui: sono costruiti per vincere la Champions League. Mbappé ha dei numeri incredibili: 46 gol, 26 gol e 20 assist. Per far rendere meno bene Mbappé bisogna sporcare più palloni, essere compatti e aggressivi quando servirà, essendo squadra dall’inizio alla fine”.

PSG-MILAN A RISCHIO: SI TEMONO GLI ULTRAS DEL NAPOLI

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

PSG Milan Pioli

Ultime news

Notizie correlate