PSG-Milan, Donnarumma in conferenza: “Grazie per sempre ma guardo avanti! Ai tifosi dico che…”

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

A presentare PSG-Milan in conferenza stampa è il grande ex di serata, Gianluigi Donnarumma: messaggio chiaro rivolto ai tifosi rossoneri

Scelta forte quella del PSG di portare, insieme ovviamente all’allenatore Luis Enrique, l’ex giocatore del Milan Gianluigi Donnarumma nella classica conferenza stampa ai microfoni dei giornalisti prima della terza sfida del Girone F di Champions League. Nella sala stampa del Parco dei Principi, Donnarumma ha raccontato cosa vuol dire per lui affrontare per la prima volta in carriera da avversario la sua ex squadra, quella che lo ha lanciato nel calcio dei grandi all’età di poco più di 16 anni e mezzo. Era il 25 ottobre del 2015: 8 anni esatti dopo, Gianluigi Donnarumma difenderà la porta del PSG contro il Milan.

“AMBIZIONE, MALDINI, JUVENTUS”: DONNARUMMA, LA VERITÀ DI RAIOLA

La sconfitta col Newcastle e il gioco di Luis Enrique

“A Newcastle potevamo fare meglio, siamo molto arrabbiati per quello. Sapevamo che a Newcastle non era facile, che andare a giocare lì era complicato… ma guardiamo avanti. Il gruppo è equilibrato, è un gruppo difficile: c’è da far bene domani e sarà una partita molto bella ed emozionante, cercheremo di dare tutto”.

“Siamo molto contenti di avere Luis Enrique come allenatore, cerchiamo di migliorare ogni giorno e abbiamo ampi margini di crescita come squadra. Puntiamo a migliorare e giocare il nostro calcio, prevalendo in ogni partita e contro ogni squadra”.

“OCCHI E FARI PUNTATI”: PSG-MILAN, LA VIGILIA DI DONNARUMMA

Il Milan, la crescita come portiere, il gioco del PSG e il rapporto con Maignan

“Una partita molto emozionante, speciale per me, ritrovare il Milan è un’emozione molto particolare. Le emozioni però vanno controllate e tenute fuori dal campo, bisogna pensare solo al match. Qui sto molto bene, c’è una grande famiglia al PSG. Al Milan sarò grato per sempre per quello che mi ha dato, sono stato lì 8 anni e sono stato benissimo. Ma qui sto bene, non sto pensando ad altro che al PSG in questo momento, c’è un grande gruppo, una grande famiglia e sono contentissimo: anche i tifosi mi hanno accolto bene”.

“Cerco sempre di imparare, migliorarmi e crescere sotto tutti i punti di vista. Sono molto contento della mia crescita, ho molta più esperienza e quello aiuta anche a preparare e vivere le partite in maniera diversa. Il gioco di oggi è tanto coi piedi per il portiere, il mister ci tiene tanto ma sono contento dell’evoluzione che ho fatto, sono cresciuto. Luis Enrique ci spinge tanto ed è contento di me, delle progressioni fatte. Cerco di migliorarmi su tutto, non su una cosa sola: sono molto contento di quel che facciamo proponendo il gioco da dietro che mi coinvolge”.

“Mike Maignan è un grande portiere, è titolare della nazionale francese e sono contento di quello che sta facendo per la Francia. C’è rispetto reciproco tra di noi e gli faccio in bocca al lupo per tutto quello che verrà, anche in Nazionale ovviamente”.

MAMMA MBAPPE’: “PARLAVA SOLO DI MILAN, LANCIAVA IL TELECOMANDO…”

Il rapporto con i tifosi del Milan

“Sarà una partita importante, una partita difficile. La loro forza è la compattezza del gruppo: conosco Pioli, come prepara le partite, c’è da fare attenzione perché lavora sempre molto bene. Anche noi l’abbiamo preparata benissimo sotto tutti i punti di vista e siamo pronti per questa sfida. Non c’è una favorita, il gruppo è molto equilibrato: si tireranno le somme alla fine ma noi cercheremo di vincere la partita, ovviamente. Anche a San Siro sarà complicato, ma le due sfide con il Milan non saranno decisive per l’esito del girone”.

“Mi dispiace perché al Milan ho sempre dato tutto, tutto me stesso fino all’ultima partita. Le critiche sono normali e mi dispiace tanto, ora non c’è tempo però, ci sarà il modo e l’occasione ma sono concentrato sul match di domani. Non devo farmi prendere dalle emozioni. All’inizio non è stato facile qui, perché ho tanti amici in Italia, tanti amici a Milano. Piano piano poi sono mi sono ambientato e anche qui ho molti amici, ho imparato un po’ la lingua e comunico bene con gli altri. Sto molto bene”.

PSG-MILAN, GIROUD: “ASPETTATIVA SU ‘NOI’! LA FILOSOFIA DI PIOLI…”

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

donnarumma psg milan conferenza stampa

Ultime news

Notizie correlate