PSG-Milan, Cassano durissimo: “Calabria, evita di parlare. Pensa a correre e basta”

I più letti

Giacomo Mirandola
Residente in un paesino in provincia di Novara, nasce a Gallarate il 21 dicembre 1998, poche ore dopo Kylian Mbappé, con cui condivide la passione ma non il talento. Diplomato al liceo scientifico e laureato in Scienze della Comunicazione, la sua vita, alla costante ricerca di emozioni, lo ha portato a conoscere e ad appassionarsi a quasi tutti gli sport praticati sul pianeta. Giornalista, speaker e audiodescrittore all'occorrenza, fa questo lavoro per esigenza, non per scelta. Un solo obiettivo: trasmettere agli altri anche solo un parte delle emozioni che lo sport gli sa regalare ogni giorno.

Antonio Cassano senza peli sulla lingua sulla prestazione di Leao e sulle dichiarazioni di Calabria dopo la sconfitta del Milan contro il PSG

Il Milan esce ammaccato anche dalla trasferta di Champions League contro il PSG. Nella sfida più difficile del girone, i rossoneri capitolano al Parco dei Principi contro Mbappé e soci. Seconda sconfitta consecutiva per gli uoini di Stefano Pioli, che si ritrovano ora con la necessità di fare bene nella durissima trasferta di domenica sera a Napoli per ricominciare a correre e ridare morale e fiducia a tutto l’ambiente. Queste due sconfitte hanno portato a una pioggia di critiche nei confronti di calciatori e allenatore. Un episodio che ha fatto discutere più di altri, poi, è stato quel botta e risposta a distanza tra Calabria e Pioli nel post partita di Champions League di mercoledì. Nel consueto appuntamento con la BoboTV, Antonio Cassano ha voluto prendere posizione nettamente in favore di Pioli e contro il capitano del Milan.

PSG-MILAN, JACOBELLI: “LEAO, COSÌ NON VA: MANCHI NEL TUO HABITAT!”

“Calabria non è Maldini, pensasse a correre e basta”

Calabria non è Maldini. Ha iniziato a giocare solo con gli stadi vuoti durante il Covid, perché prima aveva paura di giocare a San Siro. E gli fanno fare pure il capitano… Calabria lascia stare, evita di parlare. Pioli giustamente lo ha corretto. Ha palrato di personalità, di attenzione… C’è poco da avere attenzione. Il PSG ti ha fatto una testa così perchè sei molto meno forte. Se fai una buona gara gli lasci comunque sempre 4 o 5 occasioni da gol. E questa è la differenza abissale che c’è, punto e basta. Calabria deve evitare di parlare, pensasse a correre e basta”. Questa la durissima presa di posizione di Antonio Cassano alla BoboTV in merito alle dichiarazioni di Davide Calabria dopo la sconfitta al parco dei Principi. Nonostante questa netta inferiorità mostrata rispetto al PSG, l’ex calciatore crede ancora nei rossoneri: “Come finsice Napoli-Milan? 1-2, il Milan vince a Napoli, vedrete“.

PSG-MILAN, LE PAGELLE SUI GIORNALI: FIOCCANO I 4,5! UN SOLO SUFFICIENTE

“Leao tanto fumo, si crede un fenomeno senza esserlo. Poi risponde a me con la faccina del pagliaccio…”

Non è mancato poi l’attacco a Rafael Leao, reo di non essere stato decisivo nella partita contro il PSG: “Leao realmente si crede un fenomeno, senza esserlo. Nella realtà non mi sembra che fa tre gol contro l’Empoli, tre gol con il Verona o tre gol con il Bologna. Sono sei anni che è in Italia: fumo tantissimo, risponde a me con le faccette del pagliaccio o a qualcun altro… A me serve vedere che fai la differenza. Guadagni otto milioni di euro, sei il giocatore più forte del Milan e in quelle partite là non mi dai mai niente come prestazione: toccare 50 palloni, proteggere la palla, far salire la squadra, fare un uno-due, un cambio gioco. Quello è essere un giocatore non prendere il pallone, abbassare la testa, fare un tacco o una sceneggiata… Contro il Psg lo hanno lasciato tante volte uno contro uno e non si è mai visto.

PSG-MILAN, PEDULLA’: “3 PARTITE, UNA SENTENZA! LEAO NON C’E’ MAI”

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

PSG Milan

Ultime news

Notizie correlate