Ecco perché Moncada vuole portare il “nuovo Milinkovic” al Milan

I più letti

Andrea Roderi
Studente universitario, appassionato di radio, podcast e Milan. Aspirante giornalista professionista.

Popovic, centrocampista serbo classe 2006 è il nuovo obiettivo di mercato del Milan. Talento cristallino (anche secondo il Guardian), ingaggiarlo non sarà semplice

Non c’è solo un nuovo difensore centrale tra i principali obiettivi della prossima sessione di calciomercato del Milan. Sempre attenti ai nuovi prodotti dei principali vivai internazionali, Furlani e Moncada hanno messo gli occhi su Matjia Popovic, centrocampista offensivo serbo del Partizan Belgrado che ha ben impressionato a maggio contro l’Italia Under17. Il giovanissimo classe 2006 è nelle mire di molti altri top club europei, ma i rossoneri sembrano in pole position per il suo ingaggio. Vediamo insieme le caratteristiche di Popovic e le qualità che potrebbero essere utili alla Primavera di Ignazio Abate (e al Milan del futuro).

MILAN-UDINESE, PIOLI IN CONFERENZA: “HO UNA CERTEZZA: MAI COME ORA!”

Chi è Popovic è perché interessa al Milan

Matjia Popovic è un centrocampista offensivo classe 2006 di proprietà del Partizan Belgrado, squadra a cui è legato professionalmente con un contratto fino al 31 dicembre 2023. A partire dal primo gennaio, quindi, Popovic sarà libero di firmare per un altro club e, a oggi, un possibile rinnovo appare lontanissimo. Secondo recenti notizie, infatti, il centrocampista sarebbe stato messo fuori rosa. La notizia su un possibile interessamento da parte del Milan è stata rilanciata da Matteo Moretto su Twitter, seguito poi da vari quotidiani sportivi. Per comprendere appieno il potenziale di questo interessante prospetto ci siamo basati sul profilo Twitter Serbian Footbal Scout, che appare particolarmente entusiasta per il connazionale. Innanzitutto, l’altezza: Popovic è alto 1.93 metri, stazza inusuale per un centrocampista offensivo spesso schierato come ala sinistra. Nonostante la prestanza offensiva, Popovic appare particolarmente elegante e agile. In tal senso, non può sfuggire all’attenzione il gioco di gambe preciso ed efficace usato per liberarsi del diretto marcatore poco prima di servire l’assist proprio contro i nostri Azzurrini. Grande capacità nell’allungo, velocità e dribbling completano il quadro di un giocatore perfetto per un 4-3-3. Popovic completa in media 3.8 dribbling a partita, riuscendo nell’intento una volta su due, si mette in mostra in progressione per 3.8 volte ogni 90 minuti. Nonostante la giovane età, appare particolarmente efficace in fase offensiva: è il miglior marcatore del suo club e dimostra grande intelligenza nella creazione del gioco, che sviluppa con entrambi i piedi. L’altezza impressionante è, secondo Serbian Football Scout, un punto di forza e, insieme di debolezza: parliamo di un giocatore che sta ancora crescendo, la possibilità che diventi “troppo” alto potrebbe influire soprattutto sul suo equilibrio e sulla sua agilità, possibilità che però, a oggi, non appare critica.

MILAN 2 PER 1: IL CENTRALE E VICE THEO DEL FUTURO E’ UN EX SERIE A

Attenzione internazionale

Matija Popovic non ha solamente attirato l’attenzione del Milan, ma anche di molti altri club, tra cui Bayern Monaco e Real Madrid. Il primo ad accorgersi del suo talento è stato in realtà il Guardian, che lo ha inserito nella lista dei migliori sessanta talenti contemporanei. Secondo il quotidiano britannico: “Insolitamente alto per la sua posizione, Popovic è un giovane diverso da qualsiasi altro abbiate mai visto. Molti lo vedono come una combinazione tra Mitrovic e MilinkovicSavic, certamente una rarità. Giocatore versatile e adattabile a qualsiasi ruolo offensivo, gioca particolarmente bene dietro la punta. Segna molto, è velocissimo per la sua stazza, le sue principali caratteristiche sono tecniche: controllo di palla, dribbling, tocco di prima”. Oltre alle caratteristiche di gioco, Popovic ha attirato l’attenzione del Milan soprattutto per il suo contatto, in scadenza nel giro di pochi mesi. Sempre il Guardian: “Si pensava entrasse nella prima squadra del Partizan quest’anno, ma le trattative per il contratto con la famiglia sono fallite a causa dell’interesse di molti club Europei”. Il Milan è interessato ma deve fare in fretta, gioielli così possono sfumare in un batter d’occhio.

MILAN-UDINESE, ARBITRA SACCHI: QUANTE POLEMICHE A LECCE!

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

popovic milan

Ultime news

Notizie correlate